Pubblicità

Acufene: cos’è, sintomi e possibili cure

L’acufene, comunemente definito tinnito, è un disturbo uditivo che si manifesta con la percezione di un rumore, simile a un fischio, un sibilo o un ronzio, avvertito in assenza di rumori esterni. Il rumore può essere sopportabile o intenso, costante o intermittente. Può essere percepito da un solo orecchio (acufene unilaterale) o da entrambe le orecchie (acufene bilaterale). Sebbene non si tratti di una vera e propria patologia otorinolaringoiatrica, l’acufene viene comunque classificato come un disturbo uditivo in grado di arrecare disagio e incidere sulla qualità della vita di chi ne è affetto.

Acufene: fattori eziologici

La diagnosi dell’acufene può essere effettuata da un medico otorinolaringoiatra, da un audiologo o da un neurofisiologo. Per individuare l’eziologia dell’acufene, il paziente viene sottoposto ad un’attenta anamnesi. Tra i fattori eziologici più comuni che contribuiscono all’insorgenza degli acufeni annoveriamo:

  • Deficit uditivi
  • Disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare
  • Esposizione troppo intensa a onde sonore
  • Farmaci tossici per l’orecchio
  • Patologie dell’orecchio (otiti, otosclerosi)
  • Sbalzi di pressione
  • Possibile tappo di cerume
  • Ostruzione del condotto uditivo
  • Trauma cranico
  • Tumore benigno del nervo acustico (neurinoma)

Acufene: opzioni terapeutiche e trattamento farmacologico

Il trattamento dell’acufene può richiedere approcci e trattamenti differenti. La scelta della terapia è soggettiva e strettamente correlata all’intensità e alla frequenza del rumore percepito. Se l’acufene raggiunge livelli esasperanti, è possibile avvalersi di una terapia che prevede uno o più trattamenti tra i quali:

• Terapie cognitivo-comportamentali: la Cognitive Behavioural Therapy (CBT) e la Tinnitus Retraining Therapy (TRT) si pongono l’obiettivo di alleviare i sintomi e insegnare al paziente come adattarsi e abituarsi all’acufene.

• Impianto di apparecchi acustici o cocleari: nei soggetti affetti da acufene, l’impianto di apparecchi acustici consente di compensare il deficit uditivo e trarre benefici duraturi.

 Integratori alimentari: dopo aver escluso un’eventuale patologia correlata all’insorgenza degli acufeni, può essere utile l’assunzione di integratori a base di principi attivi naturali, che aiutano a stimolare l’udito agendo sul nervo acustico e il microcircolo, inibire l’azione dei radicali liberi che scatenano infiammazione ed eventuali processi degenerativi.

Tra i migliori integratori alimentari per acufeni, i medici suggeriscono Genesi Dol del gruppo Farmagens Health Care. Trattasi di un complesso molecolare farmacogenomico e neuroprotettivo a base di Palmitoiletanolamide, Lactobacillus Paracasei F19, estratto di avocado/soia, L-Acetilcarnitina, melatonina, Coenzima Q10, ginkgo biloba, DL-alfa tocoferolo acetato e vitamine B, D, E, particolarmente utile come supporto in caso di compromissione neurosensoriale e vascolare dell’apparato uditivo.

Gli effetti benefici di Genesi Dol sono stati documentati da molteplici studi scientifici e la sua formulazione innovativa è presto divenuta un brevetto internazionale. Genesi Dol è facilmente reperibile sul sito di Farmagensonline, la parafarmacia virtuale specializzata in prodotti per la salute e benessere di tutti i pazienti, uomini e donne di qualsiasi età che necessitano di una modulazione finalizzata alla prevenzione e cura delle alterazioni che coinvolgono l’equilibrio del Sistema Neurale , il Sistema immunitario e i vari distretti del microbiota umano.

Qualora gli acufeni dovessero persistere per svariate settimane e non dare alcun giovamento nonostante i trattamenti terapeutici sopra citati, è bene consultare il proprio medico otorinolaringoiatra per effettuare ulteriori accertamenti e definire una nuova terapia più appropriata.

Previous

Cervicale: 5 consigli per prevenirla

Next

La salute dell’orecchio: principali malattie e come prevenirle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche