Pubblicità

Le albicocche sono dei frutti squisiti e fanno bene alla salute, sono dei veri e propri rimedi naturali per certi disturbi. Sai come usarle e quali benefici apportano all’organismo? Conosci le controindicazioni?

Albicocche: caratteristiche generali e curiosità

  • L’albicocca è il frutto del Prunus armeniaca della famiglia delle Rosacee;
  • E’ una pianta originaria della Cina ed ha 5000 anni secondo le ipotesi;
  • Prende probabilmente il nome dall’Armenia (armeniaca) dove pare fu scoperta da Alessandro Magno che la chiamò “mela armena”;
  • Arrivo in Grecia ed Italia attorno al 60 a.C.
  • L’etimologia della parola albicocca deriva da al-barqūq (precoce, tradotto in latino con precocus) poiché furono gli arabi ad ampliarne il commercio in tutto il Mediterraneo;
  • Il nome precoce le è stato attribuito perché l’albero inizia a dar frutti già dal secondo anno di vita;
  • L’albero fruttifica da giugno a luglio;
  • Queste sono le varietà in commercio: Pindos, Diavole, Preole, Reale d’Imola, Valleggina, Thyrintos e Amabile Vecchioni;
  • La percoca non è una qualità di questo frutto ma è l’innesto tra un albicocco e un pero;
  • Le albicocche fuori stagione arrivano per lo più da Cile e Nuova Zelanda;
  • Quando si acquista questo frutto dev’esser sodo e non molle, profumate e di un bel colore arancio. Le albicocche colte mezze acerbe difficilmente maturano. Si possono conservare in frigo fino ad una settimana;
  • Le albicocche secche sono più caloriche, attenzione a quelle di un bel colore arancio sono trattate con coloranti quali diossido di zolfo, meglio preferire quelle biodinamico;
  • Anche le albicocche sciroppate sono molto caloriche quindi non occorre aggiungervi zucchero;
  • Il termine apricottare (da apricot) significa spennellare una torta di gelatina di albicocche;
  • Non è consigliata a chi soffre di calcoli ed a chi è allergico a prugne, pesche e ciliegie;
  • Le donne cinesi le consideravano simbolo di fertilità.

Albicocche: le varietà

Ho fatto accenno alle varietà di albicocche, perché paese che vai albicocca che trovi. Ecco nel dettaglio in cosa si differenziano:

  • Pindos: fruttifica a fine maggio, frutto corposo e di buona qualità;
  • Diavole: varietà campana, pianta longeva e frutti con pigmenti sul rosso;
  • Preole: varietà campana, frutti piccoli;
  • Reale d’Imola: varietà emiliana che matura in luglio, color giallo intenso di media pezzatura;
  • Valleggina: varietà savonese, frutto di un color arancio vivo con pigmentatura rossa e di media pezzatura, si raccoglie tra la fine di giugno e l’inizio di luglio;
  • Amabile Vecchioni: produce frutti di pezzatura grande, la maturazione è breve solo dieci giorni in giugno;
  • Thyrintos: varietà del nord Italia che fruttifica nella prima settimana di giugno, i frutti sono grandi e la pianta è delicata, tende ad ammalarsi facilmente.
  • Fra le altre varietà esistenti vi sono anche: Monaco, Baracca, Precoce di Cremonini, Val Venosta, Boccuccia, Cafona e la Pesca di Nancy.

Albicocche: proprietà, valori nutrizionali, calorie

L’albicocca è uno scrigno che detiene molti nutrienti utili alla salute dell’organismo.

Ecco quali sono le proprietà delle albicocche:

  • antiossidante, in particolare questo frutto è alleato della pelle, dei capelli e delle gengive grazie alla ricchezza di vitamine, A e C in particolare;
  • protegge ossa e denti dalle lesioni del tempo;
  • stimola e rafforza il sistema immunitario;
  • rafforza i muscoli e contrasta i crampi muscolari grazie al buon contenuto di potassio;
  • migliora l’assorbimento di ferro nel corpo, per tanto molto consigliata a chi soffre di anemia;
  • migliora le situazioni di stress, stanchezza, depressione e tensione;
  • migliora la funzione del sistema nervoso proteggendolo anche dai danni del tempo;
  • proteggono la vista dai danni dei radicali liberi;
  • rafforzano il sistema cardiovascolare;
  • antitumorale, in quanto previene la formazione di tumori alla laringe, all’esofago e ai polmoni;
  • aiuta a regolare la pressione sanguigna grazie a ferro e potassio;
  • moderati effetti lassativi grazie alla presenza di fibre;
  • aiuta a controllare i livelli di colesterolo nel sangue;
  • stimola la produzione di melanina ed è perciò un frutto alleato dell’abbronzatura;
  • contribuisce al buon funzionamento dell’apparato digerente, quindi molto utile contro la digestione lenta.
  • depuranti in quanto aiutano l’organismo a liberarsi delle tossine;

Cosa contiene l’albicocca?

Ecco quali sono i suoi valori nutrizionali:

  • Calorie 48 per 100 gr
  • Lipidi 0,4 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio 1 mg
  • Potassio 259 mg
  • Glucidi 11 g
  • Fibra alimentare 2 g
  • Zucchero 9 g
  • Proteine 1,4 g
  • Vitamina C 10 mg
  • Calcio 13 mg
  • Ferro 0,39 mg
  • Magnesio 10 mg
  • Rame 0,078 mg
  • Vitamina A 1094 mcg

Inoltre le albicocche contengono:

  • vitamine (E, K, J, PP, B1, B2, B3, B5 e B6)
  • antiossidanti (quercetina, catechine, epicatechine, acido gallico, acido caffeico, acido cumarico, acido ferulico, zeaxantina e beta-criptoxantina)
  • amminoacidi (acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilananina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina)

Albicocche: tutti gli utilizzi

Come si può beneficiare delle proprietà delle albicocche, oltre che mangiandole? Ci si possono ovviamente fare delle maschere e degli impacchi.

Maschera nutriente per capelli:

Frullare la polpa di una decina di albicocche snocciolate, aggiungere due cucchiai di olio evo, un tuorlo d’uovo e la polpa di un avocado frullato. Tenere in posa 1 ora quindi procedere con lo shampoo.

Impacco drenante contro la cellulite:

Frullare 8 albicocche snocciolate, aggiungere 3 cucchiai di olio di mandorle dolci, sale qb, tre gocce di olio essenziale di rosa mosqueta. Applicare su cosce e glutei con l’aiuto della pellicola per alimenti.

Maschera illuminante per il viso:

Frullare la polpa di 4 albicocche snocciolate, mezzo cetriolo, amalgamare con farina di riso qb e mescolare con due cucchiai di miele. Tenere in posa 15 minuti.

Maschera tonificante e defaticante:

Amalgamare la polpa frullata di 4 albicocche con quella di mezza pesca frullata. Aggiungere succo d’arancia e farina d’avena qb. Tenere in posa 20 minuti.

Che ne pensate dei rimedi naturali di bellezza con le albicocche?

Albicocche: controindicazioni ed effetti collaterali

Generalmente, le albicocche non hanno controindicazioni particolari o effetti collaterali, però vi sono almeno due casi in cui il frutto va consumato con moderazione, per non incorrere in disturbi fastidiosi:

  • sconsigliate a chi soffre di calcoli o patologie renali in quanto ricche di acido ossalico;
  • sconsigliate anche a chi soffre di ulcere e coliti.

Le albicocche possono anche scatenare reazioni allergiche con sintomi cutanei.

ATTENZIONE: il nocciolo non va ingerito poiché contiene cianuro.

Previous

Ciliegie: proprietà, benefici, valori nutrizionali, calorie e controindicazioni

Next

Pesche: proprietà, benefici, valori nutrizionali, calorie e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche