Pubblicità

Burpees: chi li conosce? Si tratta di un esercizio semplice, un po’ faticoso non amato da tutti, ma che da grandi risultati.

Ecco la nostra guida su come iniziare, i benefici, come eseguire correttamente i burpees, i muscoli coinvolti, quanti farne, ma soprattutto gli errori da evitare.

Burpees: benefici e come iniziare

I burpees sono un esercizio completo la cui pratica da diversi vantaggi.

Stanno diventando una moda, ma in realtà sono nati nel 1930, ad inventarli è stato il fisiologo americano Royal H. Burpee che doveva testare in modo rapido l’agilità, la coordinazione e la potenza dei soldati.

Il movimento s’ispira al salto della rana e viene eseguito in numerose discipline ed allenamenti (crossfit, totalbody, etc).

Ecco come si esegue correttamente il burpees

Come si fanno i burpees, a cosa servono, i benefici per la salute, quali sono i muscoli coinvolti e quante ripetizioni di burpees fare al giorno e a settimana.

Ci si accovaccia come una rana, palmo delle mani a contatto con il pavimento, schiena dritta. Si esegue un saltello all’indietro estendendo le gambe ed il bacino (plank), mani sempre ferme in posizione, quindi tornare alla posizione iniziale e saltare verso l’alto, portando le mani a toccarsi sopra la testa, atterrare nella posizione di partenza.

Per prepararsi a fare il burpees ci sono due esercizi che bisogna praticare: il plank e il jumper squat.

Il plank è l’esercizio della tavola, ovvero sostenendosi con mani e piedi si forma una tavola parallela al pavimento, gli addominali e i glutei sono contratti, occorre cercare di stare in questa posizione quanto più possibile.

Il jumper squat è uno squat saltato, quindi si parte dalla posizione di squat per saltare verso l’alto estendo le braccia. Il numero deve essere progressivo. Anche fare dei semplici squat aiuta a rafforzare la muscolatura.

Passiamo ai benefici del burpees:

  • rinforza tutto il corpo, in particolare petto, braccia, spalle, cosce e addominali;
  • brucia i grassi, quindi è ideale per perdere peso perché accelera il metabolismo e non solo perché si continuano a bruciare calorie anche dopo l’esercizio;
  • aumenta la resistenza;
  • migliora la circolazione e rafforza il sistema cardiovascolare;
  • migliora la coordinazione.

Alla fine si tratta di un esercizio molto semplice, che si può fare ovunque, ma che richiede molto impegno, perché? Inizialmente sembrano semplici e poco impegnativi, dopo un paio di serie però ci si accorge di quanto costino fatica.

Quanti tipi di burpees esistono?

  • Burpees e trazione: ovvero, con il salto si cerca di aggrapparsi alla sbarra e fare una trazione alla sbarra.
  • Burpees con scatto: in posizione di plank estendere a scatto una per volta le gambe, velocemente come se si corresse.
  • Burpees con flessioni: una volta in posizione di plank fare 5 flessioni e poi proseguire con l’esercizio.
  • Burpees con una sola gamba: tornando in posizione rana si esegue il salto con una gamba sola.
  • Burpess con palla: si prende una palla da palestra e si tiene fra le mani portandola in alto durante il salto.
  • Burpees con affondi: dopo il salto eseguiamo due affondi per gamba.

Burpees: quanti farne, esecuzione corretta, errori da evitare

Domanda fatale: quanti burpees si devono fare?

Dipende dal vostro obiettivo:

  • se volete dimagrire occorrono almeno 5 serie da 10 ripetizioni, circa tre volte a settimana;
  • se volete aumentare la potenza 6 serie da 12 ripetizioni eseguiti velocemente, sempre tre volte a settimana.

Fra una serie e l’altra ci si riposa un minuto.

Ci sono anche degli errori che si possono commettere e che vanno evitati per poter eseguire bene un burpees:

  • non si alzano mai i talloni in fase discendente una volta che si è toccato terra;
  • nella posizione del plank il corpo è perfettamente parallelo al pavimento;
  • la schiena è sempre dritta;
  • i piedi si posizionano dietro le mani;
  • l’esercizio non si esegue a gambe unite;
  • non si rimane in punta di piedi sullo squat;
  • tutto il palmo delle mani tocca il terreno, non solo le punte delle dita;
  • il salto si esegue sempre stendendo le braccia verso l’alto;
  • nella discesa le gambe vanno piegate, non si atterra mai con le gambe dritte;
  • non distendersi completamente durante il salto, si tende a tenere piegato il bacino ma è un errore;
  • respirare in modo costante, inspirare nella fase di partenza, espirare mentre di discende.

Ricapitolando, per un buon burpees si deve:

  1. scendere in posizione rana, piedi dietro le mani, palmi a terra, glutei infuori e schiena dritta;
  2. si fa il salto indietro per andare in plank, schiena perfettamente dritta;
  3. si ritorna nella posizione rana;
  4. infine si salta verso l’alto stendendo tutto il corpo, braccia comprese nella discesa si piegano le gambe e non si alzano i talloni, si torna con palmi e talloni a contatto con il pavimento.

Si tratta davvero di un esercizio completo che allena tutto il corpo e questo è un buon motivo per eseguirlo. Ovviamente occorre allenamento, costanza ed impegno, perché si tratta anche di un esercizio faticoso, ma che con il tempo da i suoi buoni risultati. Si possono eseguire in qualsiasi workout sia che facciate arti marziali, che zumba, che crossfit o total body.

Motivazioni?

  1. potenzieranno i vostri muscoli;
  2. non avete realmente bisogno di andare in palestra per farli;
  3. potete farli quando vi va dove vi va;
  4. tonificheranno il vostro corpo;
  5. vi renderanno più agili e scattanti;
  6. aumenteranno la vostra forza e la vostra coordinazione.

Se vi allenate in palestra chiaramente avrete modo di fare un lavoro più completo ed accurato, valutate voi.

Conoscevate i burpees? Li avete mai fatti?

Previous

Trazioni alla sbarra: benefici, l'esecuzione corretta ed errori da evitare

Next

Caffè verde: proprietà, benefici e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche