Pubblicità

tazza-di-vista-dall-alto-con-cioccolata-calda-sul-tavoloIl cacao è un albero sempreverde che appartiene alla famiglia delle Malvaceae e ha origini in America. Dalla macinazione dei semi (fave) di questa pianta si ottiene la pasta di cacao, a sua volta divisa in: cacao in purezza, ovvero la polvere di cacao, e burro di cacao (la parte grassa); il primo viene utilizzato soprattutto per scopi alimentari, il secondo anche per fini farmaceutici e/o cosmetici.

Oggi vedremo le origini del cacao puro, cosa differenzia il cacao in purezza dal burro di cacao, le proprietà e i benefici.

Le origini

L’albero di cacao ha origini americane e veniva coltivato intorno al 1000 a.C dai Maya per produrre la loro bevanda tipica, chiamata xocoalt, che veniva poi aromatizzata con bacche di vaniglia o spezie quali il pepe o il peperoncino.

Nel 1500, grazie alla scoperta dell’America, il cacao ha raggiunto l’Europa e solo nel 1600 l’Italia. Attualmente, i produttori maggiori sono Brasile, Colombia, Ecuador, Indonesia e Ghana.

La differenza tra polvere e burro di cacao

I semi di cacao, ovvero le bacche, vengono lavorate al fine di ottenere la pasta di cacao, questa a sua volta, si trasforma in cacao puro in polvere e in burro di cacao puro.

 I processi di lavorazione delle fave di cacao sono quattro, ovvero:

  1. La fermentazione;
  2. L’essicazione;
  3. La tostatura;
  4. La triturazione e la rimozione del burro (per scinderlo dal cacao puro in polvere);

In sostanza, la polvere e il burro sono i 2 componenti della preparazione finale della lavorazione della fava di cacao.

La polvere in purezza, che può essere anche biologica in base ai metodi di coltivazione della pianta stessa, viene utilizzata in cucina, quindi nella preparazione di piatti dolci o in aggiunta a particolari preparazioni salate.

Per quanto riguarda invece il burro di cacao, questo si presenta solido sotto i 34°. Il suo utilizzo può essere cosmetico, basti pensare al burro di cacao, farmaceutico (proprietà anti-aging e antinfiammatorie) o culinario (per la preparazione del cioccolato).

Le proprietà e i benefici

Le proprietà e i benefici del cacao sono numerosi, esso svolge infatti diverse funzioni, tra cui:

  • Azione antiossidante: grazie alla presenza dei flavonoidi;
  • Azione vasodilatatrice: riduce la pressione arteriosa, quindi rischio di ictus e infarti;
  • Azione stimolante: come caffè e tè;
  • Azione antidepressiva: grazie al triptofano, precursore della serotonina, agisce sul benessere psicologico e mentale;
  • Azione diuretica;

Anche l’apporto nutrizionale del cacao è ottimale, esso infatti contiene proteine, Sali minerali (come calcio, magnesio, potassio e zinco) e vitamine B. Ottimo quindi per gli sportivi e gli studenti che necessitano di maggiore concentrazione.

Gli utilizzi del cacao

piatti-deliziosi-di-disposizione-del-cioccolato-minPer quanto concerne gli utilizzi, la polvere di cacao può essere impiegata in cucina per innumerevoli preparazioni, come prodotti da forno (ciambelloni, torte, muffin, pancake, ecc.), bevande, yogurt e frullati.

Ma non solo, anche chi è costretto a eliminare il caffè dalla propria dieta può trovare nel cacao puro bio un valido sostituto: aggiungendo in acqua o latte bollente 5 gr di cacao 100 puro si ottiene una bevanda energizzante.

Anche nell’ambito cosmetico il burro di cacao puro bio trova largo impiego, specialmente per la creazione di prodotti per la skin care (in particolar modo per le labbra) e creme idratanti per il corpo, ma anche bagnoschiuma, shampoo e maschere per i capelli.

Previous

Agata bianca: significato, proprietà, benefici e utilizzo nella cristalloterapia

Next

Pericondrite auricolare: cause, sintomi e rimedi per il dolore alla cartilagine dell’orecchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche