Pubblicità

E’ proprio vero che si dice delle ciliegie: una tira l’altra, sono molto buone, ma sono anche ottime per la salute dell’organismo, poiché contengono tanti nutrienti e poi della ciliegia non si butta via niente. Magari siete soliti buttare il nocciolo o il picciolo, scoprirete perché invece è bene conservarli.

Ciliegie: caratteristiche generali e qualche curiosità

  • la pianta si chiama Prunus avium (famiglia delle Rosacee) ed è un ibrido ottenuto dal ciliegio dolce ed il ciliegio visciolo (amarene). Avium ta per uccello in quando i volatili si cibano dei frutti facendo cadere a terra i semi;
  • in molti dialetti si chiama cerasa che deriva dal κέρασος (kérasos);
  • Plinio il Vecchio affermava che gli alberi di ciliegio fossero a Roma dalla Turchia;
  • si raccoglie da maggio fino ad inizio luglio, coincide con la festa di San Giovanni;
  • le ciliegie tardive che maturano il 25 giugno coincidono con la festa di S.Giacomo;
  • probabilmente il ciliegio è originario dell’Asia, in Giappone difatti è molto diffuso ed ogni anno si festeggia l’hanami ovvero lo sboccio dei fiori del Sakura;
  • queste sono le varietà più diffuse delle ciliegie: Bigarreaux o Graffioni da metà maggio fino a inizio giugno, Nero, Giorgia, Duroni tutto il mese di giugno, Anella da fine maggio a tutto giugno, Marca dal 10 giugno al 10 luglio e Ferrovia dal 5 giugno al 30 giugno;
  • le ciliegie staccate dall’albero non maturano più;
  • assorbono gli odori perciò vanno conservate in un sacchetto di carta;
  • in Giappone la ciliegia simboleggia la prosperità mentre invece in Inghilterra sognare le ciliegie segnala l’arrivo di una disgrazia;
  • all’acquisto la ciliegia deve essere soda senza ammaccature e di un colore brillante, il picciolo verde. Si conserva in frigo per tre giorni;
  • le ciliegie sono definite luculliane perché pare che si siano diffuse ad opera di Lucullo;
  • la dose consigliata giornaliera è di non più di 25 ciliegie.

Ciliegie: proprietà, valori nutrizionali, calorie

Le ciliegie sono buone e fanno bene alla salute. Di seguito vediamo le proprietà ed i valori nutrizionali.

Partiamo dalle calorie: 50 per 100 gr.

Tabella nutrizionale:

  • Grassi 0,3 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio 3 mg
  • Potassio 173 mg
  • Glucidi 12 g
  • Fibre 1,6 g
  • Zucchero 8 g
  • Proteine 1 g
  • Acqua 86,20 g

Fra gli zuccheri presenti vi è il levulosio che non è controindicato per i diabetici.

Sono presenti anche flavonoidi, luteina, zeaxantina, beta-carotene ed antocianine che combattono i radicali liberi, sono presenti anche vitamine A, B1, B2, B3, E, K, J e C oltre a calcio, rame, fluoro, fosforo e magnesio ed inoltre l’acido malico. Fra gli amminoacidi troviamo: acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, triptofano e valina.

Queste sono le proprietà delle ciliegie:

  • antiossidanti, aiutano a contrastare i danni dei radicali liberi;
  • antinfiammatorie grazie alle antocianine;
  • aiutano a controllare il livello di colesterolo nel sangue;
  • depurative e disintossicanti, favoriscono l’eliminazione delle tossine;
  • rinfrescanti e dissetanti;
  • stimolano l’attività epatica;
  • favoriscono il sonno poiché stimolano la produzione di melatonina;
  • lassative, specie se sene consumano in grandi quantità (sconsigliato);
  • proteggono il cuore ed il sistema cardio vascolare;
  • rivitalizzanti e remineralizzanti, adatte contro stress e convalescenze;
  • sono alleate della pelle grazie alla ricchezza di vitamine ed antiossidanti, stimolano la produzione di collagene;
  • saziano, essendo ricche di fibre e quindi son degli ottimi spuntini, senza esagerare, per chi è a dieta;
  • abbassano la pressione grazie al potassio;
  • favoriscono la regolarità intestinale;
  • prevengono artriti, arteriosclerosi e disturbi della gotta;
  • sono ottime contro spasmi e gonfiori addominali.

Ciliegie: tutti gli utilizzi

Le ciliegie possono essere:

  • cotte
  • congelate (dopo vanno cotte)
  • disidratate
  • conservate nell’alcol
  • candite
  • sciroppate

Avete presente che sopra dicevo che della ciliegia non si butta via niente?

I peduncoli: ci si fa un’ottima tisana depurante, diuretica, antiflogistica, analgesica ideale contro cellulite e ritenzione idrica.

Ricetta della tisana di peduncoli di ciliegia:

  • 1 cucchiaio raso ciliegio peduncoli
  • 1 tazza d’acqua

Versare i peduncoli nell’acqua, portare a bollore. Spegnere, lasciar riposare 10 minuti. Filtrare e bere. Dolcificare con del miele se si desidera. Consumo consigliato: massimo 2 tazzine da tè al giorno.

ATTENZIONE: NON ASSUMERE IN GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO O IN CASO DI ALLERGIE.

Come fare il cuscino di noccioli di ciliegia:

Occorrente: noccioli di ciliegie circa 1 kg, federa di cuscino piccolo.

Lavare bene i noccioli togliendo i residui di polpa. Metterli in forno a 100° per una ventina di minuti. Quando sono secchi metterli dentro la fodera e chiuderla. Come si utilizza? Porre il sacchetto in forno (meglio coprilo con della stagnola) o al microonde (in questo caso niente stagnola) finché non è caldo. Rilascia un piacevole calore ottimo contro: dolori articolari, torcicolli, cervicali, crampi addominali, cefalee da tensione, geloni, nervosismo, stress, stanchezza.

In erboristeria si trovano anche: olio per massaggi al ciliegio, tè verde alla ciliegia e tintura madre.

Altre ricette con le ciliegie:

Ciliege sotto spirito:

Ingredienti: 500 gr di ciliegie, 6 dl di alcol al 95%, 100 gr di zucchero e una stecca di cannella.

Pulire bene le ciliegie, porle in un vaso di vetro con una buona chiusura, versare lo zucchero e la cannella spezzettata, versare l’alcol, chiudere ed attendere 40 giorni.

Maschera per pelle secca, impura e disidratata

Frullare 150 gr di ciliegie, aggiungere mezzo vasetto di yogurt, 1 cucchiaio di miele, farina d’avena qb. Tenere in posa 20 minuti, sciacquare con acqua fredda.

Ciliegie: controindicazioni ed effetti collaterali

Attenzione a non consumarne troppe, possono causare:

Evitare di farle mangiare ai bambini piccoli. Attenzione ai noccioli non vanno assunti spezzati o bucati, contengono CIANURO, se ingeriti interi non creano problemi, vengono espulsi interi.

Riguardo i diabetici è vero che vi è uno zucchero che non crea problemi ma ve ne sono anche degli altri, ragione per cui è meglio non abbondare e consultare il dietologo. Consigliato anche un consumo moderato in gravidanza ed allattamento. Sono da evitare se si soffre di pressione bassa.

ATTENZIONE ALLE ALLERGIE:

L’allergia alle ciliegie è abbastanza diffusa: la proteina Bet v 1 può causa sindrome orale allergica; la proteina taumatino-simile è presente durante la maturazione e può scatenare allergia; la proteina LTP è resistente alla digestione ed alla cottura e può causare sindrome allergica orale, infine la profilina o panallergene.

In caso di allergia alle ciliegie possono verificarsi: nausea, vomito, diarrea, tosse, disfagia, rinite, congiuntivite, angioedema, orticaria, edema laringeo e severa anafilassi.

Sono per tanto sconsigliate a chi è allergico a: soia, arachidi, carote, uva, mela, pesche, albicocche, mais, noci, assenzio, castagne, nocciole, sedano, pomodoro, banane, ananas, pere e mirtilli. Perchè? Questi frutti o verdure contengono molte delle proteine o allergeni sopra indicati. Attenzione anche per chi è allergico alle Rosacee.

Previous

Fagioli: proprietà, benefici, valori nutrizionali, calorie, utilizzi e controindicazioni

Next

Albicocche: proprietà, benefici, valori nutrizionali, calorie e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche