Pubblicità

Non sapete come cucinare il coniglio? In questo articolo troverete tante ricette con il coniglio, ideali per un pranzo veloce e leggero o una cena tra amici.

Il coniglio è un mammifero selvatico che viene allevato per la pelliccia e l’alimentazione umana. Il coniglio europeo e quello americano sono i generi più allevati nel mondo. Si tratta di animali che si riproducono velocemente e sono adatti ad allevamento estensivo e intensivo a cui si ricorre maggiormente e nel quale si fa spesso utilizzo di antibiotici.

Al momento dell’acquisto, pertanto, si deve fare molta attenzione alla provenienza della carne ed è più controllata se biologica.

Quella di coniglio è una carne bianca, magra e con un alto potere nutrizionale e quindi è consigliata a tutti e in special modo ai bambini, agli anziani e a coloro che soffrono di patologie come ipertensione e a chi deve seguire una dieta dimagrante.

Essendo considerata una carne ipoallergenica, vede il suo utilizzo nella preparazione degli omogeneizzati per neonati.

Vediamo le proprietà di cui è ricca la carne di coniglio.

Proprietà e benefici della carne di coniglio

Proprietà energizzanti e rimineralizzanti: ricca di minerali, la carne di coniglio è un’ottima fonte energetica. Per la quantità di potassio è consigliata agli sportivi e a coloro che soffrono di spossatezza. Fonte di calcio, aiuta i bambini nello sviluppo osseo. il fosforo contribuisce allo sviluppo neurale del feto e previene i danni del tempo che possono causare la demenza senile, quindi se ne consiglia il consumo alle donne in gravidanza e agli anziani.

Proprietà depurative e dimagranti: il coniglio contiene una buona quantità d’acqua, circa il 75% e inoltre è una carne magra, povera di grassi e quindi è un’ottima scelta nella dieta di coloro che hanno problemi di ritenzione idrica, ipertensione e cardiopatie.

Fonte di proteine, si può sostituire alle carni rosse, nelle diete ipocaloriche e dimagranti.

Come pulire il coniglio

In commercio, troviamo il coniglio già selezionato in pezzi, ma se invece vi capita di doverlo fare voi, basta decapitarlo con un coltello e aprirlo a metà, eliminando tutte le interiora.

Se li amate, potete recuperare fegato, cuore, polmoni e rognoni.

Dividetelo poi a metà, eliminando la colonna vertebrale.

A questo punto, tagliate le zampe posteriori e quelle anteriori.

Dividete la sella dalla pancia e tagliatela in due.

Lavate e asciugate tutti i pezzi e preparateli alla cottura.

Come cucinare il coniglio

Prima di essere cotto, si consiglia di tenere il coniglio a riposare con l’aceto o succo di limone, in questo modo la sua carne diventa più dolce e viene eliminato il suo caratteristico odore che a molti può dare fastidio.

Se desiderate cuocere il coniglio al forno, lasciatelo riposare una notte, aromatizzandolo con spezie varie e bagnandolo con del vino. Risulterà, alla cottura, molto più saporito.

La sua carne delicata e gustosa si presta a numerose preparazioni e può essere sostituita al pollo da chi segue una dieta, ma desidera variare.

Si può cuocere intero e in porzioni e può essere preparato anche ripieno.

La carne del coniglio può essere utilizzata per la preparazione del ragù, al posto della carne bovina e può accompagnare appetitosi primi piatti.

Con il coniglio si possono preparare dei secondi davvero succulenti, da offrire per una cena in famiglia o un pranzo speciale tra amici e anche dei contorni originali.

Ricette con il coniglio: primi piatti

Lasagne al forno con ragù di coniglio

Potete preparare al posto del classico ragù fatto col maiale e con la carne bovina, uno più leggero utilizzando il coniglio. Le lasagne al forno con questo ragù risulterà saporito, ma leggero e più adatto a bambini e anziani.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di lasagne
  • 1 coniglio di 800 gr circa
  • 2 carote
  • 1 costa di sedano
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.
  • rosmarino q.b.
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • 1 litro di salsa di pomodoro
  • 2 foglie di alloro
  • parmigiano in polvere q.b.

Preparazione:

Utilizzate il coniglio tagliato a pezzi, lavatelo e asciugatelo bene, quindi lasciatelo anche un paio d’ore a riposare ben coperto con una pellicola trasparente e in frigo, con del vino rosso e qualche foglia di alloro, pepe nero e il rosmarino.

Trascorso questo tempo, scolatelo e lavatelo con acqua fredda.

In una pentola capiente, mettete il coniglio a rosolare e aggiungetevi la cipolla tagliata finemente, le carote tagliate a rondelle e così anche il sedano.

Aggiungete al coniglio mezzo bicchiere di vino rosso e un bicchiere d’acqua, salate e pepate e lasciatelo in cottura a fuoco medio, con il coperchio e fin quando il coniglio si sarà ammorbidito a tal punto che si possa disossare.

Mettete il coniglio in un piatto e disossatelo, quindi con un coltello tritatelo e rimettete la carne nella pentola precedente.

A questo punto, aggiungete la salsa di pomodoro, lo zucchero, mezzo bicchiere di vino e insaporite con sale e pepe quanto basta e continuate la cottura a fiamma basta, fino a che il sugo si sarà insaporito, ma non asciugato troppo.

Preparate una pirofila e distribuite sul fondo un mestolo di ragù e uno strato di lasagne, altro ragù e del parmigiano in polvere e procedete così.

Infornate a 170°C per 15 minuti circa.

Tagliatelle con crema di coniglio e peperoni

Se avete mangiato il coniglio e ve ne è rimasto un po’, lo potete utilizzare per preparare la pasta il giorno dopo. Se avete bambini piccoli sarebbe una scelta ideale, frullare il coniglio cotto e aggiungerlo alla pasta condita con i legumi. Io vi propongo una soluzione per tutta la famiglia.

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr di tagliatelle
  • 400 gr di carne di coniglio
  • 1 cipollotto
  • 1 carota
  • mezzo peperone verde
  • 1 peperone rosso
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • 1 costa di sedano
  • 200 gr di polpa di pomodoro

Procedimento:

Disossate il coniglio, tritatelo e mettetelo da parte.

Procedete alla preparazione del soffritto e in una padella capiente, aggiungete qualche cucchiaio d’olio e i peperoni che avete già pulito, lavato e tagliato a striscioline.

Per evitare che si brucino, aggiungete ai peperoni un mestolo d’acqua e lasciate in cottura.

A questo punto, aggiungete la cipolla tagliata finemente e la carota ridotta a rondelle e fate così anche col sedano.

Mescolate, aggiungete la polpa di pomodoro e lasciate cuocere a fuoco basso, aggiustando di sale e pepe.

In un mixer, versate il sugo così ottenuto e il coniglio tritato.

E’ il momento di cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e amalgamatela nella stessa pentola di cottura, alla crema di coniglio e peperoni.

Servitela tiepida.

Ricette con il coniglio: secondi piatti

Coniglio con funghi e olive

Se desiderate preparare un secondo rapido a base di coniglio e che non richiede la cottura in forno, approfittate di questa ricetta in cui il coniglio è stato cotto in casseruola. E’ molto appetitoso e lo potete preparare in tutte le stagioni.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 chilo di coniglio
  • 1 chilo di funghi champignon
  • 100 gr di olive taggiasche
  • 1 scalogno
  • 2 spicchi d’aglio
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 2 foglie di alloro
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 2 rametti di rosmarino
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Procedimento:

Sciacquate il coniglio e lasciatelo riposare con dell’aceto rosso, quindi asciugatelo.

Pulite i funghi ed affettateli, snocciolate le olive.

Pulite lo scalogno e tagliatelo finemente e tritate il rosmarino.

In una casseruola, preparate un soffritto con l’olio, lo scalogno e l’aglio e lasciate imbiondire.

Aggiungete alla casseruola il coniglio e lasciatelo rosolare da tutte le parti, a fiamma vivace, aggiungendo il vino rosso.

Lasciate sfumare e unite al coniglio, i funghi, il rosmarino tritato, le olive, le foglie di alloro e insaporite con pepe nero appena macinato e sale.

Amalgamate il coniglio e continuate con la cottura, a fiamma dolce e con il coperchio, aggiungendo, se occorre, un mestolo d’acqua.

Infine, assaggiate il coniglio per costatare sapore e cottura.

Servitelo caldo.

Coniglio al forno in agrodolce

Il coniglio preparato in agrodolce è qualcosa di fantastico e se penso la prima volta che l’ho assaggiato, ancora rido perché mio padre nel preparare gli ingredienti, ha aggiunto al coniglio non 1 cucchiaio di zucchero, ma molto di più. Aveva un sapore fortemente addolcito, ma noi lo abbiamo mangiato lo stesso.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 coniglio di circa 800 gr
  • 1 cipolla grande
  • farina q.b.
  • 100 gr di olive verdi
  • 3 coste di sedano
  • 30 gr di pinoli
  • 30 gr di uvetta
  • 50 gr di capperi
  • 2 foglie di alloro
  • ½ bicchiere di aceto di vino rosso
  • un cucchiaio di zucchero
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento:

Lavate e asciugate i pezzi di coniglio.

Iniziate con la preparazione delle verdure e quindi pulite e affettate sottilmente la cipolla e tagliate a rondelle il sedano già lavato.

Sciacquate i capperi per eliminare il sale in eccesso, snocciolate le olive e ammollate l’uvetta in acqua tiepida.

Preparate un composto con aceto e zucchero e mescolatelo bene.

Adesso preparate una padella capiente e metteteci circa 4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva a scaldare.

Preparare la farina insaporita con del pepe.

Infarinate il coniglio e quando l’olio sarà ben caldo, lasciate rosolare il coniglio a fuoco medio, rigirandolo più volte.

Finito questo procedimento, mettete da parte il coniglio, aggiungete nella padella la cipolla e lasciatela appassire, quindi l’uvetta, i capperi, le olive e amalgamate il tutto.

In una pirofila da forno, distribuite tutto il coniglio, ricopritelo con tutti gli aromi e insaporite con sale, pepe appena macinato, i pinoli e un ramo di rosmarino.

Infornate il coniglio a 170°C per 35 minuti, dopo di che, aggiungetevi l’aceto che avete addolcito con lo zucchero e amalgamate.

Continuate la cottura per altri 30 minuti circa, ma comunque dopo che vi siete accertati dell’avvenuta cottura del coniglio, che dovrà risultare tenero e non secco.

Ricette con il coniglio: contorni

Frittatina di coniglio

Il cibo non va mai buttato e quando vi resta in frigo della carne di coniglio potete creare dei contorni sfiziosi. Se vi gustano, potete utilizzare anche il fegato e il cuore del coniglio che dopo averli passati in padella, li potete tritare e unire ad altri ingredienti. Il contorno che si suggerisco è una frittata di coniglio, che arricchita con la pancetta e la noce moscata, diventa un piatto davvero molto buono.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di carne di coniglio tritata
  • 3 uova intere
  • latte q.b.
  • 50 gr circa di pane ammollato nel latte
  • 2 cucchiai di parmigiano in polvere
  • 100 gr di pancetta
  • noce moscata q.b.
  • prezzemolo a piacere
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • olio per friggere

Procedimento:

In una scodella capiente, unite tutti gli ingredienti e quindi sbattete le uova, unendo il pane strizzato, la pancetta tritata, il coniglio tritato, un po’ di noce moscata, il prezzemolo tritato, il parmigiano in polvere, il sale e il pepe.

Amalgamate bene gli ingredienti e fate scaldare l’olio in un tegame, quindi cuocete la frittata, facendola imbiondire.

Trasferite la frittata cotta in un piatto e quando si sarà raffreddata tagliatela a cubetti e servitela.

Può essere un accompagnamento a insalate e secondi di carne.

Previous

Gotta: sintomi, cause, rimedi naturali, alimentazione e consigli

Next

Come cucinare il farro: ricette facili e veloci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche