Pubblicità

Cura della pelle e Skincare naturale per uomo

Prendersi cura della pelle non ha solamente un risvolto estetico, ma è fondamentale per la salute e per avere sempre una pelle sana, idratata e nutrita.

Per questo non si tratta di una questione prettamente femminile, ed è quindi buona cosa che anche l’uomo se ne prenda cura, con prodotti ovviamente differenti e specifici.

Allora è inutile aspettare: già in giovane età si può, anzi si deve, iniziare ad effettuare una buona Skincare, perché prendersi cura della pelle e tenerla pulita e idratata è fondamentale.

Ma che cos’è la skincare e come si effettua? Quali sono i prodotti consigliati? Perché preferire quelli naturali? Piccoli consigli da seguire.

 

Cos’è la Skincare

La parola Skincare indica, letteralmente, l’azione di prendersi cura del proprio viso. È importante farlo quotidianamente, meglio ancora se mattina e sera: per preparare la pelle ad affrontare gli agenti esterni, prima, e ripulirla dagli stessi, dopo.

Questo perché i pori possono essere occlusi e soggetti così a imperfezioni e altre tipologie di problematiche epidermiche. Liberarli e ripulire la pelle da inquinamento o altre sostanze con cui si entra in contatto durante il giorno è fondamentale per mantenerla sana e non farla invecchiare in fretta.

Per questo la Skincare è stata pensata anche per l’uomo, perché non viene effettuata solamente per rimuovere il make-up del giorno o preparare la pelle allo stesso, ma anche e soprattutto per proteggersi dagli agenti esterni che posso portare squilibrio alla pelle, e il sesso è ininfluente su questo aspetto.

 

Come si effettua

La parola d’ordine è: costanza.

La Skincare va eseguita mattina e sera, per i motivi sopra citati, e soprattutto ogni giorno.

Ma come si effettua la skincare?

Vediamo dei semplici passaggi da poter seguire con facilità per effettuare una buon skincare:

  1. Detergere la pelle con un detergente specifico in base alla propria tipologia di pelle (grassa, secca, mista o delicata e sensibile): per rimuovere la impurità;
  2. Applicare un tonico: per riequilibrare il PH della pelle, alterato dal lavaggio precedente;
  3. Applicare un siero;
  4. Applicare una crema viso e una crema contorno occhi;

Altri 2 step sono consigliati, ma solamente 1 o 2 volte a settimana: scrub, per rimuovere le cellule morte, e maschera, per depurare la pelle in profondità.

Gli scrub possono essere di 2 differenti tipologie, quali:

  • Azione chimica: composto da sostanze chimiche che depurano la pelle in profondità;
  • Azione meccanica: composto da vere e proprie particelle che sfregano sulla pelle per eliminare le tossine in profondità;

Per quanto riguarda, invece, le maschere abbiamo diverse tipologie in base alle proprie esigenze, eccone alcune:

  • Idratante;
  • Purificante;
  • Anti invecchiamento;
  • Rigenerante;

 

I prodotti consigliati

Concentrandoci  ora, nello specifico sulla Skincare naturale per uomo, sempre più praticata oggi, ottimi i prodotti della nuova linea Valuxxo Hemp Skincare, a base di olio di semi di canapa biologico, per combattere la disidratazione e nutrire la pelle grazie all’equilibrio di acidi grassi essenziali come Omega 3, Omaga 6 e GLA (acido gammalinolinico), oltre che una vasta gamma di altri componenti naturali e vegani, quali:

  • Acido Ialuronico: per ridurre le rughe in profondità e rassodare la pelle nel complesso, migliorandone la grana;
  • Aloe Vera: come antiossidante e infiammatorio;
  • Emulium Mellifera: come emulsionante per rendere i prodotti adatti a tutti i tipi di pelle, oltre che a tutte le condizioni climatiche;
  • Oli naturali e biologici: oli certificati per nutrire la pelle e mantenerne elasticità, compattezza e idratazione (burro di karitè, olio di oliva, olio di jojoba, olio inca inchi, olio di squalano);

 

Perché l’utilizzo dei prodotti naturali

Quando parliamo di skincare naturale, parliamo dell’utilizzo di prodotti composti al 99% da ingredienti naturali e al 70-90% da componenti di origine organica, adatti a tutti i tipi di pelle.

L’utilizzo di questa tipologia di prodotti è fortemente consigliata soprattutto perché completamente privi di:

  • Petrolati;
  • Siliconi;
  • Oli minerali;
  • Parabeni;
  • Coloranti;
  • Profumi sintetici;
  • PEG;
  • Carbomeri;
  • Glicole propilenico;
  • SLS;

Ma non solo per questo, gli ingredienti naturali sono un’importante risorsa sostenibile, lavorati con metodi all’avanguardia, nel pieno rispetto dell’ambiente, come la spremitura a freddo.

Inoltre ricordiamo anche che sono prodotti derivanti da piante coltivate senza uso di pesticidi, erbicidi, fertilizzanti sintetici e OGM o altre sostanze chimiche. E tutte le piante coltivate biologicamente hanno un livello più elevato di vitamine antiossidanti, rispetto alle canoniche piante non biologiche.

Altra importante caratteristica è che i prodotti biologici per la cura delle pelle sono completamente cruelty-free, perché non devono essere testati sugli animali al fine di garantire sicurezza per l’essere umano.

 

Piccoli consigli

Ecco ora alcuni piccoli consigli per una buona Skincare:

  • Importante la scelta di prodotti adatti al nostri tipo di pelle;
  • Distinguere sempre l’utilizzo della crema viso e della crema contorno occhi: questo perché l’area del contorno occhi è molto più delicate e non produce sebo protettivo, per questo deve essere costantemente idratata da una crema specifica e delicata;
  • Utilizzare un siero prima della crema: in quanto agisce più in profondità della stessa;
Previous

Come scegliere il deodorante più adatto: funzione, tipologie in commercio, corretto utilizzo e quali possono risultare dannosi

Next

Spinaci: proprietà, come coltivarli in casa. Semina, raccolta e usi in cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche