Pubblicità

Nella cura per la depressione la musicoterapia è il terzo rimedio più utilizzato: a dirlo i risultati di uno studio approfondito dei dati presenti nel database Cochrane. Naturalmente, si sottolinea che questa cura alternativa dà il meglio di sé se unita a delle terapie tradizionali, che non possono mai mancare.

Nello specifico, quindi, è stato stabilito che i trattamenti tradizionali della depressione, possono essere ancora più efficaci se alternati e integrati con la musicoterapia. I risultati che si sono avuti in alcuni pazienti parlano, infatti, chiaro.

Un campione di 421 persone è stato preso in esame per valutare quelli che sono i risultati ottenibili da trattamenti alternativi per la depressione, primo tra tutti la musicoterapia. I soggetti impegnati nella ricerca hanno preso parte a ben nove esperimenti a breve termine, finalizzati a testare quelli che sono i benefici della sola musicoterapia sia da sola che in combinazione con altri interventi più tradizionali come, ad esempio, la psicoterapia.

Cosa è emerso da tutto ciò? Stando a quanto è stato reso noto, dall’analisi dei dati è emerso che i pazienti si sentivano meno depressi se, accanto alle terapie tradizionali, erano sottoposti all’ascolto di musica. Ecco, quindi, che si è giunti alla conclusione che, se unita al classico regime di trattamento, che prevede una cura tradizionale, la musica non può che fare bene e velocizzare il processo di guarigione, andando a migliorare i sintomi e la vita dei pazienti.

Questo è quanto dichiarato da Christian Gold, della Uni Research Health a Bergen, in Norvegia, che ha capitanato il team che ha condotto la ricerca in questione. Naturalmente, a questo punto è importante cercare di capire in cosa consiste la musicoterapia a cui sono stati sottoposti i pazienti.

Viene, quindi, specificato che la musicoterapia può includere tanto approcci passivi, che implicano l’ascolto, che quelli attivi che, invece, prevedono la riproduzione di uno strumento, il canto o anche un’esibizione musicale. Naturalmente, anche la musicoterapia deve essere portata avanti da professionisti che abbiano una formazione nel counseling, nella psicologia o nel trattamento della depressione stessa.

A dire il vero, la musicoterapia si utilizza da tempo nella cura della depressione, ma sino a questo momento non erano stati condotti degli studi specifici in merito. Questo è il primo e il più approfondito.

La potenza degli antidepressivi naturali

Alla luce di quanto detto, gli antidepressivi naturali, che siano la musica o altri strumenti definiti alternativi, sono utili per combattere la depressione. È per questo motivo che, come ci conferma il portale Salutarmente.it, sempre più spesso, si fa riferimento a questo tipo di cure anche per una patologia che, fino a poco tempo fa è sempre stata difficile da definire e da trattare. Ad oggi, invece, si ha la consapevolezza del fatto che questa tipologia di cure, assieme a quelle tradizionali e, in primis, alla psicoterapia, possa dare non pochi benefici e possa aiutare chi si trova in una fase depressiva da cui è sempre difficile uscire senza un aiuto.

Un grande passo avanti, quindi, sia per la comunità scientifica che per i pazienti che, in tal modo, possono rendere molto più piacevole il trattamento che, altrimenti, prevede solo psicoterapia e, talvolta, l’utilizzo di psicofarmaci. In questo modo, invece, si possono utilizzare e integrare dei metodi alternativi che riescono a dare i loro ottimi frutti, velocizzando di molto il momento della guarigione. Al momento c’è chi guarda ancora a queste terapie alternative con un po’ di riluttanza ma, alla luce di quanto stabilito da questo studio, queste sono un valido supporto a quelle tradizionali e questo dato non può essere di certo trascurato da ora in poi.

Previous

Acidità di stomaco: cause, sintomi, rimedi naturali, cosa mangiare e cibi da evitare

Next

Afta: cause, sintomi, rimedi naturali, cosa mangiare e cibi da evitare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche