Pubblicità

Dieta Lemme: cos’è, come funziona, pro e contro, qualche esempio di menù giornaliero

La dieta Lemme può considerarsi diametralmente opposta alla così conosciuta dieta mediterranea, in quanto ricca di carboidrati e proteine, ma povera di frutta, verdura, sale e qualsivoglia zucchero o dolcificante.

In sostanza si ha a che fare con una dieta molto libera e senza particolari limitazioni di quantità di cibo da assumere durante l’arco della giornata, se non a orari specifici che sarebbe meglio rispettare.

Insomma, un regime molto elastico per quanto riguarda le quantità, ma meno per quanto riguarda l’associazione di cibi, come proteine e carboidrati che non possono mai essere assunti all’interno dello stesso pasto.

Ma vediamo meglio insieme: che cos’è la dieta Lemme, come funziona, i pro e i contro, oltre che qualche esempio di menù giornaliero.

 

Che cos’è

La dieta Lemme è stata inventata recentemente dal farmacista Alberico Lemme.

Come già accennato si tratta di una dieta che non prevede il conto delle calorie giornaliere e soprattutto senza limiti di quantità di cibo da assumere.

L’importante è il consumo di carboidrati solo nella prima parte del giorno e lontano dalle proteine, e sotto questo punto di vista molto simile alle svariate diete dissociate già conosciute da tempo.

Altri due importanti divieti sono: il sale, in quanto aumenta il rischio di ipertensione, e lo zucchero, in quanto stimolatore di insulina e, di conseguenza, dell’ormone che aumenta il grasso corporeo.

 

Come funziona

Il funzionamento della dieta Lemme è molto semplice, in quanto non vi sono quantità o calorie massime da assumere, purché si evitino sale e zucchero, oltre che l’abbinamento di carboidrati e proteine.

Altra regola fondamentale sono gli orari da rispettare, in quanto il nostro organismo assorbe in modo diverso i nutrienti in base ai momenti della giornata:

  • La colazione entro e non oltre le 9:30;
  • La prima merenda tra le 10 e le 11 al massimo;
  • Il pranzo tra le 12 e le 14;
  • La seconda merenda tra le 16 e le 17;
  • La cena tra le 19 e le 21;

Ovviamente, proprio per lo stesso motivo di assorbimento, i carboidrati possono essere assunti la mattina, in quantità illimitate, ma mai dopo il momento della colazione.

La dieta Lemme è inoltre composta da 2 differenti fasi:

  1. Prima fase: fase di dimagrimento, attiva sino a quando non si raggiunge il peso desiderato;
  2. Seconda fase: fase di mantenimento, della durata di circa 3 mesi, in cui si reinseriscono quelli che sono stata gli elementi vietati. Ma non si possono reinserire comunque: zucchero, sale e latticini;

In sostanza, facendo un breve ma dettagliato ricapitolo, queste sono le regole da seguire:

  1. Niente sale;
  2. Niente zucchero o dolcificanti;
  3. Niente latte e derivati;
  4. Niente pane;
  5. No carne e pasta assieme;
  6. Bere acqua naturale o gassata;
  7. Spezie a piacere;
  8. Condimenti a piacere;
  9. Usare qualsiasi metodo di cottura;
  10. Seguire sempre gli orari dei pasti sopra indicati;

 

Pro e contro

Come per tutte le diete, vi sono dei pro e dei contro.

Pro

  • Niente taratura dei cibi o conta delle calorie;
  • Carboidrati permessi, anche se solo a colazione;
  • Permessa qualsiasi tipologia di cottura, ad esempio il fritto;
  • Esclusione di verdura e frutta, che spesso tende a gionfiare;
  • Niente palestra o sport, che secondo il fondatore di questo regime alimentare bloccherebbe il dimagrimento;

Contro

  • Troppi carboidrati nel primo momento della giornata potrebbero appesantire comunque l’organismo;
  • Frutta e verdura lasciate in disparte possono causare carenze vitaminiche e minerali, oltre che scarsa flora batterica intestinale;
  • Togliere completamente il sale può portare debolezza, cali di pressione e capogiri;
  • Perdita di peso repentino può causare anche perdita di massa muscolare;
  • Squilibrio tra macronutriente porta spesso a sovraccarico di lavoro per reni e fegato;
  • Dieta non adatta a donne in gravidanza, durante l’allattamento o a chi soffre di pressione bassa;

 

Esempio di un menù settimanale

Una volta spiegate le regole a grandi linee e il funzionamento della dieta Lemme, vediamo ora un menù tipico di questo regime alimentare, suddiviso per 3 pasti al giorno, in una settimana:

  • Primo e secondo giorno

    • Colazione: tacchino + caffè
    • Pranzo: filetto di manzo + caffè
    • Cena: pesce spada + caffè
  • Terzo e quarto giorno

    • Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè
    • Pranzo: petto di pollo + caffè
    • Cena: sogliola + caffè
  • Quinto e sesto giorno

    • Colazione: carciofi + caffè
    • Pranzo: fiorentina + caffè
    • Cena: orata + caffè
  • Settimo e ottavo giorno

    • Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè
    • Pranzo: petto di pollo + caffè
    • Cena: sogliola + caffè

Il tutto si può sempre condire con: limone, olio extra vergine di oliva, prezzemolo, aglio, cipolla, pepe, peperoncino, salvia, rosmarino, basilico, timo, etc…

Inoltre, per impanare carne e pesce, si può utilizzare la crusca.

Evitare, come già accennato in precedenza, il sale, nemmeno nell’acqua per cuocere la pasta.

Come bevande si può optare per dell’acqua naturale o gassata, ovviamente mai bevande contenenti zuccheri e/o dolcificanti aggiuntivi.

 

 

 

 

 

 

Previous

Dieta Carb Lover’s: che cos’è, come funziona, quali carboidrati scegliere, i pro e i contro, un menù di esempio

Next

Dieta tisanoreica: che cos’è, la sua storia, come funziona e le varie fasi, alimenti vietati, benefici e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche