Pubblicità

I dolori mestruali, o dismenorrea, fanno parte della fase del ciclo mestruale. Non significa che tutte le donne ne soffrano, ma la maggior parte, specie chi soffre di sindrome premestruale è costretta ad averci a che fare. Il dolore, che interessa la regione pelvica, compare o poco prima del ciclo o durante solitamente con abbondante perdita ematica. Scopriamo insieme cosa fare per far passare i dolori mestruali e i migliori rimedi naturali per combattere i dolori mestruali senza farmaci.

Tipologie di dismenorrea:

  • primaria, nelle donne che non hanno mai partorito. Ha inizio con la prima mestruazione e di solito il dolore si attenua col passare del tempo;
  • secondaria, nelle donne che hanno già partorito. Si tratta di un dolore tardivo che tende a peggiorare con l’inizio della menopausa;
  • dismenorrea membranacea, conosciuta anche come colica uterina, dura circa due giorni ed è dovuta ad un aumento del tasso di progesterone.

La dismenorrea è molto soggettiva: può durare due giorni, può essere tanto forte da ostacolare la routine della persona o possono essere dei dolori leggeri.

Dolori mestruali: cause e sintomi

Riguardo alle cause è difficile dire che ve ne sia una precisa, perché può trattarsi dell’utero come delle ovaie.

In sostanza l’utero si contrae e da luogo a dei crampi dolorosi, per via dell’alto rilascio di prostaglandine. Vi possono anche essere cause nervose o di tipo ormonale.

Vediamo nel dettaglio le cause dei dolori mestruali:

  • endometriosi, ossia quando il tessuto endometriale fuori esce dalla sua sede;
  • fibromi, tumori o neoformazioni benigne che si sviluppano nell’utero;
  • malattia infiammatoria pelvica, ovvero un’infezione dell’apparato genitale generalmente si tratta di una malattia sessualmente trasmissibile;
  • cause di natura psicologica: ipersensibilità, emotività;
  • cisti ovariche, ovvero la sindrome dell’ovaio policistico;

Le cause dei dolori mestruali possono essere indagate mediante ecografie esterne o transvaginali, tamponi ed analisi del sangue.

La dismenorrea causa principalmente dolori più o meno forti, altri sintomi sono:

  • dolore ai reni;
  • dolori alla gambe;
  • emicrania;
  • nausea;
  • vertigini;
  • sudorazione;
  • stanchezza;
  • irritabilità;
  • ansia;
  • dissenteria;
  • dolori al seno;
  • aumento dell’appetito;
  • frequenza elevata dello stimolo della minzione.

I dolori possono esser percepiti come fitte, crampi, o come una colica, come spasmi sia in tutto il basso ventre che nella schiena e nell’inguine.

Fattori di rischio per cui si può andare incontro alla dismenorrea:

  • il fumo;
  • ereditarietà;
  • pubertà precoce (a 11 anni o meno);
  • età inferiore a 30 anni;
  • sanguinamento abbondante (menorragia);
  • sanguinamento irregolare (metrorragia);
  • nessun parto.

Dolori mestruali: rimedi naturali, alimentazione e consigli

I dolori mestruali possono sembrare una cosa da nulla, visti dall’esterno, un qualcosa che dura uno o due giorni e poi ce ne si dimentica. La realtà è molto diversa: a volte il dolore è talmente forte da costringere la persona a letto o le impedisce di camminare, di stare in piedi e di stare seduta. Vengono a mancare le forze ed inoltre si aggiungono tutti gli altri sintomi sopracitati.

Ecco perché bisogna utilizzare ogni rimedio possibile per farvi fronte, sono davvero debilitanti. Ecco come alleviare i dolori mestruali:

In primis non sottovalutarli: recarsi dalla ginecologa, fare i test e farsi consigliare da lei sul modo di agire.

Imbottirsi di farmaci non è sempre l’idea migliore, anche perché il mese successivo si è da capo, meglio puntare su un trattamento che duri nel tempo o sui rimedi naturali.

Vediamo qualche utile rimedio naturale contro i dolori mestruali

  • Acqua e alloro, si fa bollire un bricco d’acqua con dentro 4 foglie di alloro pulite. Si cola e si beve tiepido. Questo infuso rilassa il corpo e la psiche e allevia tantissimo i dolori mestruali;
  • Tisana per dolori mestruali a base di melissa e valeriana, toglie l’ansia ed il nervosismo e rilassa la muscolatura contratta;
  • Borsa dell’acqua calda o bagni di acqua calda con camomilla e lavanda;
  • Il magnesio è il miglior alleato in assoluto;
  • Tisana al tarassaco per depurare e sgonfiarsi;
  • Camomilla per rilassarsi;
  • Piccioli di ciliegio per combattere la ritenzione idrica;
  • Tisana di achillea che è antispasmodiche ed antinfiammatorie.

Ed ecco alcuni consigli utili per far fronte ai dolori mestruali:

  • dedicare tempo a se stessi per rilassarsi, prendere quel lasso di tempo di malessere come una vacanza da tutto ed approfittarne per riposarsi;
  • praticare esercizio fisico ogni qual volta si ha del tempo libero (non quando si hanno i dolori) dalla corsa, al ballo, alla ginnastica, al pilates;
  • meditare sulla respirazione per diminuire ansia e dolori;
  • effettuare massaggi sul ventre magari con un olio essenziale rilassante come lavanda, camomilla, maggiorana e geranio (diluito con un olio vegetale).

Ecco le cose da non fare:

  • abbuffarsi di dolci e snack;
  • bere alcolici e caffeina;
  • fumare;
  • stare troppo i piedi.

L’alimentazione è fondamentale ed aiuta tantissimo ad affrontare i dolori mestruali, ecco i cibi ed i nutrienti che occorre integrare nella dieta:

Questi invece sono i cibi da evitare:

  • bevande gassate
  • zuccheri raffinati
  • latticini
  • fritture
  • alcol, tè, caffè

Ecco i nutrienti di cui si hanno bisogno:

Il consiglio alimentare migliore è quello di consumare piccoli pasti non troppo distanziati.

Relax è la parola chiave per affrontare i dolori mestruali, ma i rimedi naturali sono l’asso nella manica. Si tratta di pochi giorni e seguendo questi consigli riuscirete ad affrontarli.

Previous

Equiseto (coda cavallina): proprietà, benefici e controindicazioni

Next

Cous Cous: proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche