Pubblicità

Facciamo sport? Ecco come reintegrare i sali minerali

Se pratichiamo sport, tendiamo a sudare di più e perdiamo liquidi e sali minerali preziosi per la nostra salute. Con l’aiuto di un integratore di sali minerali e altre importanti sostanze possono essere reintegrati. Ricordiamo di seguire una dieta completa e di bere acqua per idratarci. Scopriamo di più.

Sali minerali: cosa sono e qual è il loro ruolo?

A differenza di carboidrati, proteine e grassi, i sali minerali non forniscono energia all’organismo. Tuttavia, essi svolgono funzioni indispensabili alla vita:

  • Partecipano a importanti processi cellulari;
  • Svolgono un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo di diversi tessuti e organi;
  • Sono coinvolti nell’attivazione di alcuni processi metabolici.

Noi non siamo in grado di produrre autonomamente i sali minerali, perciò dobbiamo assimilarli tramite l’alimentazione. Poiché vengono continuamente eliminati con sudore, urina e feci, i sali minerali devono essere introdotti con regolarità, tramite un’alimentazione equilibrata.

Nessun cibo contiene nelle giuste proporzioni tutti i minerali di cui l’organismo ha bisogno. Perciò è buona regola seguire una dieta ben variata e completa di tutti i gruppi alimentari e i nutrienti fondamentali per l’organismo e a un buon equilibrio elettrolitico.

Quando è consigliabile introdurre sali minerali?

I sali minerali sono sempre indispensabili, ma quando facciamo sport ancora di più, poiché sudiamo abbondantemente. Infatti, il sudore è composto essenzialmente da acqua e sali minerali.

Quando la sudorazione è abbondante, il fisiologico equilibrio elettrolitico si altera, cioè viene meno la quantità normale di minerali necessari alla salute del nostro organismo. La sudorazione è notevolmente influenzata dall’attività fisica e dalle sessioni di allenamento.

Un’abbondante perdita di liquidi e sali minerali potrebbe causare un calo di energia e dare luogo ad alcuni disturbi, tra i quali:

  • Stanchezza fisica e affaticamento muscolare;
  • Crampi muscolari e rallentamento dei tempi di recupero;
  • Difficoltà di concentrazione.

Debolezza e affaticamento muscolare insorgono di frequente sia quando superiamo la soglia dello sforzo cui il muscolo è abituato a lavorare, sia quando sollecitiamo più gruppi muscolari praticando esercizi diversi dalla nostra routine.

I nostri muscoli si adattano a un lavoro maggiore e a una intensità crescente, migliorando prestazioni e resistenza, ma sottoponendosi a uno stress meccanico notevole. Chi deve fare attenzione?

  • Chi inizia un’attività sportiva con un allenamento troppo impegnativo dopo un lungo periodo di inattività;
  • Chi svolge esercizi in maniera casuale e senza un programma preciso, poiché sottopone il proprio organismo a un lavoro maggiormente faticoso, non costante, con una conseguente, abbondante sudorazione.

Come possiamo introdurre i sali minerali?

Come avevamo accennato, una alimentazione varia e completa può garantirci un valido apporto di sali minerali. Tuttavia, è bene sapere che la quantità di minerali presenti in un alimento non corrisponde sempre a quella effettivamente assimilata dal nostro organismo.
Per questo motivo, potremmo aver bisogno di associare alla dieta l’utilizzo di un integratore idrosalino.

Durante lo sport, per equilibrare sali minerali e altre preziose sostanze perse con la sudorazione, possiamo provare un integratore alimentare che abbia una formulazione a base di sali minerali, vitamine e altri nutrienti, favorire il mantenimento dell’equilibrio idrosalino e la normale funzione muscolare.

L’integratore idrosalino andrà associato a un regime alimentare in cui è consigliabile inserire alcuni alimenti ricchi di importanti minerali:

Magnesio

Lo troviamo nei legumi, in particolare piselli, fagioli soprattutto quelli neri, lenticchie e ceci. Anche la frutta secca, come mandorle e anacardi, pistacchi e noci fornisce magnesio. Tra la frutta fresca possiamo ricordare banane, fichi, pesche e avocado come buone fonti di magnesio. La frutta, sia fresca sia secca, è una valida idea di snack energetico.

Potassio

Fagioli, piselli, spinaci, asparagi, patate e banane sono alimenti ricchi di questo minerale.

Zinco

Carne, cacao, tuorlo d’uovo e noci sono cibi che contengono buone dosi di zinco.

Selenio

Le principali fonti di selenio sono i cereali e le carni.

Sodio

Alcuni cibi sono ricchi di questo minerale: è il caso di formaggi e insaccati (da consumare con moderazione), ma anche pane, cereali da prima colazione, biscotti.

Previous

Violenza psicologica e narcisismo patologico: una realtà attuale di cui nessuno parla

Next

Quali sono le posture scorrette della schiena, cause, conseguenze e inestetismi: cifosi, scoliosi e lordosi e rimedi per correggere la postura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche