Pubblicità

Quale frutta e verdura di stagione mangiare a gennaio? Quanto è importante fare la spesa in base al mese e perché?

Ad ogni stagione e ad ogni mese corrispondono particolari verdure o frutti… ci avete fato caso quando fate la spesa? Nei grandi supermercati delle città per lo più non ci si pensa: abbiamo ormai frutta e verdura da tutto il mondo, quindi perché preoccuparsi del mese o della stagione?

Ma di tanto in tanto, io personalmente, facendo la spesa mi rendo conto che la frutta importata dall’estero delle volte ha un brutto aspetto per non parlare del fatto che è totalmente insapore, o troppo matura o troppo acerba.

Parlando con una signora brasiliana che vive in Svizzera, ci siamo trovate a fare un paragone sui manghi che mangia lei in Brasile e su quelli importati in Europa e mi ha confermato che la maggior parte non è matura e se lo è il sapore non si avvicina neanche lontanamente a quello che conosce lei.

Com’è possibile, visto che alcuni in teoria provengono proprio dalle zone tropicali? Semplice la frutta viene congelata e poi scongelata una volta arrivata da noi, cosa comporta questo:

  • spreco di carburante con conseguente inquinamento;
  • perdita del sapore e dei valori nutrizionali del frutto;
  • discapito dell’agricoltura locale e dei prodotti della propria terra.

Non si parla ovviamente solo di frutti tropicali ma anche di angurie fuori stagione ad esempio, da dove sono importante? Come sono state coltivate? Come sono state trasportate?

Mangiare l’anguria fuori stagione è una scelta che va contro l’eco sostenibilità e non avrà mai lo stesso sapore di quella raccolta nel mese giusto, dal contadino 2 km più in là di casa vostra.

Rendo l’idea?

Torniamo a parlare di gennaio, ecco l’elenco di frutta e verdura da trascrivere ed attaccare sul frigo:

  • Arance
  • Limoni
  • Cedri
  • Cicoria
  • Pompelmi
  • Banane
  • Kiwi
  • Mandarini
  • Broccoli
  • Carciofi
  • Carote
  • Porri
  • Cavolfiori
  • Cavoli
  • Verza
  • Barbabietole
  • Scalogno
  • Cime di rapa
  • Radicchio rosso
  • Finocchi
  • Sedano
  • Zucca
  • Topinambur
  • Cipolle
  • Spinaci
  • Rape
  • Cardi
  • Mele
  • Pere
  • Lattuga
  • Patate
  • Ravanelli

5 buone ragioni per comprare frutta e verdura di stagione:

E’ ricca di vitamine e sali minerali

  • costa di meno;
  • più gusto;
  • rispetto per l’ambiente;
  • la sicurezza di comprare un buon prodotto, meglio 100% bio (soprattutto se conoscete il contadino).

Frutta e verdura di stagione: cosa mangiare a gennaio e perché

Ho citato sopra l’elenco della frutta e della verdura, ma perché sceglierle?

Agrumi

Cedri, pompelmi, limoni ed arance sono davvero importanti in questo periodo dell’anno, ovvero gennaio nel mezzo dell’inverno, perché ci aiutano a proteggerci dai malanni dell’inverno. Una vera miniera di vitamine!

Broccoli, cavoli, verza, cavolfiori e spinaci

Ok, in molti non ne vanno pazzi ma fanno benissimo alla salute! I cavoli rafforzano i capelli perché ricchi di zinco, i broccoli sono un rimedio naturale contro quasi tutti i mali ed inoltre aiutano moltissimo l’umore mentre gli spinaci son ricchi di calcio, utili per denti ed ossa.

Mele e pere

Ricche di fibre, alleate dello stomaco e dell’intestino, molto energiche ed abbastanza caloriche (occhio alle porzioni se volete restare in linea!).

Cardo, barbabietola, cipolle, porri, lattuga, cicoria, sedano, carciofo e topinambur

Altamente depurativi, ottimi per tenere sotto controllo la glicemia e per eliminare le tossine dall’organismo. La cicoria è particolarmente consigliata a chi soffre di pressione bassa. La lattuga invece è principalmente diuretica ed idratante. Quali ricette conosci con questi alimenti di gennaio?

Carote e zucche

La tintarella si prepara in inverno e primavera, ci credereste? Eppure è così, da gennaio fate il pieno di carote e zucche per arrivare ai mesi estivi con una pelle favolosa, resistente al sole e ponta ad abbronzarsi.

Finocchio

Il rimedio naturale per eccellenza contro la cattiva digestione, non solo è un ottimo spuntino spezza fame, si mangia crudo prima dei pasti per sentirsi sazi prima e dopo per digerire meglio.

Banane e Kiwi

Il kiwi si sa, è una panacea contro i mali di stagione mentre le banane sono ricche di potassio, molto consigliate a chi soffre spesso di stress, stanchezza e dolori muscolari.

Patate

Ricche di magnesio e selenio, aiutano l’umore e la memoria…ma non mangiatele fritte troppo spesso!

Radicchio rosso

O si ama o si odia per via del suo gusto particolare ma è un elisir per mente e corpo, inoltre rafforza l’organismo, provare per credere!

Frutta e verdura di stagione: le ricette di gennaio ed i rimedi naturali

Ovviamente non potevo non allegarvi qualche ricetta interessante ma soprattutto utili rimedi naturali di stagione con i prodotti dell’orto di gennaio.

Tisana di cipolle

  • buccia esterna di una cipolla;
  • un bricco d’acqua.

Io uso per fare la tisana la buccia più grossa ed esterna della cipolla quella che solitamente si scarta perché coriacea. La metto a bollire per una decina di minuti, filtro e bevo. E’ un’ottima tisana depurativa ed espettorante.

Tisana depurativa con lattuga, finocchio e mela

  • buccia di una mela bio;
  • foglie esterne della lattuga;
  • foglie esterne del finocchio.

Anche in questo caso ricaviamo una tisana dagli scarti: le foglie della lattuga che non mettiamo nell’insalata, la barba e le coste più dure del finocchio e le bucce delle mele. Bolliamo tutto per 15 minuti, filtriamo e beviamo. Drenante, idratante e depurativa.

Frullato verde spezza fame

  • 2 coste di sedano;
  • una mela verde;
  • 2 foglie tenere di finocchio;
  • poche foglie di spinaci;
  • poca acqua di cocco.

Abbiamo già parlato dei frullati di frutta e verdura, vi ripropongo un frullato con la verdura di gennaio, per restare in forma.

Frullato digestivo e abbronzante

  • 2 mele gialle;
  • 4 carote;
  • 2 fette di zucca arancione;
  • succo di limone a piacere.

Non è mai troppo presto per la tintarella! Frullare tutto con succo di limone qb. Questo frullato è ottimo anche per aiutare lo stomaco infiammato, contro l’acidità, aiuta il benessere della vista e naturalmente ti fa bella la pelle.

Cicoria ripassata in padella

  • cicoria
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 alici
  • olio evo

Far bollire la cicoria per 20 minuti, e poi strizzarla per bene per far uscire l’acqua. Far scaldare in 3 cucchiai d’olio evo l’aglio a pezzetti e l’alice, quando l’alice è sciolta versare la cicoria e far rosolare qualche minuto per insaporire. Aggiustare di olio. Ottimo piatto per chi ha problemi di stipsi e di pressione bassa (scartare ovviamente l’aglio mentre si mangia).

Decotto contro i geloni

Servono:

  • coste di sedano da scartare o bucce di patate;
  • un pentolino d’acqua.

Far bollire le coste da scartare del sedano (quelle non proprio ottime o vecchie ed avvizzite) oppure le bucce di patata. Dopo 20 minuti spegnere e lasciar intiepidire. A cosa serve questo decotto? Contro i geloni di mani e piedi, purtroppo molto tipici di gennaio. Attenzione: il decotto deve essere tiepido non caldo!

Piatto unico con cavolfiore, topinambur e cipolle

  • 1 cavolfiore;
  • 1 cipolla;
  • 4 topinambur grandi;
  • olio evo.

Soffriggere il cavolfiore pulito e lavato con poco olio evo e la cipolla tagliata sottile. Sbucciare i topinambur e tagliarli a fette non troppo spesse, far rosolare assieme alla cipolla ed al cavolfiore. Unire tre mestoli di brodo e far cuocere a fuoco lento finché cavolfiore e topinambur non sono ammorbiditi. Il topinambur sa di carciofo ed è molto depurante, questo è un piatto delizioso per i rigori di gennaio.

Previous

Torte e dolci con i frutti di bosco: ricette facili e veloci

Next

Cavolo cappuccio: proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche