Pubblicità

I sintomi fisici della depressione

La depressione è un disturbo psicologico che colpisce tantissime persone: si stima che questo specifico disturbo sia il più diffuso al mondo nella categoria delle patologie psicologiche che potrebbe avere ripercussioni tanto sulla mente quanto sul fisico, come ad esempio con i vari sintomi del mal di schiena.

La depressione esiste

Come gran parte dei disturbi e delle patologie psicologie, la depressione tende ad essere negata e ignorata, soprattutto dagli altri, fino a diventare un vero e proprio argomento tabù. Questo ambiente di negazione del disturbo della persona affetta da depressione comincia spesso dentro la propria casa, luogo che dovrebbe essere un nido sicuro per tutti, fino a espandersi nelle scuole, con gli amici e sul luogo di lavoro. È importante, quindi, ricordarsi che la depressione è un male debilitante che non va preso alla leggera e che chi soffre di depressione ha bisogno di essere riconosciuto e ha delle necessità che vanno rispettate.

Accade spessissimo, infatti, che i vari sintomi della depressione vengano scambiati per maleducazione, svogliatezza, cinismo o noncuranza della propria persona. Questo è uno degli ostacoli più grandi che chi soffre di depressione deve affrontare tutti i giorni. Quando una persona che soffre di disturbo depressivo rifiuta un invito non lo fa per cattiveria, ma molto più probabilmente perché non ha le forze, né fisiche né mentali, per potersi divertire come vorrebbe.

L’impatto della depressione sulle abitudini

I soggetti che soffrono di depressione presentano innanzitutto forti e costanti sintomi psicologici: tra questi vi è una continua condizione di umore negativo e tristezza generalizzata che porta a sviluppare pensieri pessimistici su sé stessi e sulle persone che li circondano. Molto spesso, le persone depresse tendono a perdere interesse per tutte le attività che svolgono, in particolare per gli hobby che un tempo riuscivano ad essere una valvola di sfogo e per gran parte delle attività quotidiane. Questa caratteristica potrebbe portare i soggetti ad avere difficoltà anche in attività spesso date per scontate, come mangiare, lavarsi e dormire.

La depressione, nel lungo periodo, può influire negativamente anche sulla vita sociale e lavorativa: molto spesso, infatti, le persone depresse tendono a evitare contatti con il mondo esterno, spingendosi all’autoisolamento. Episodi particolarmente tragici, come un lutto o una separazione, possono dare vita a questo tipo di sintomatologia sul breve periodo: la psiche, infatti, necessità di tempo per elaborare e metabolizzare correttamente un evento traumatico. Nel caso del disturbo depressivo, però, i sintomi si protraggono per molti mesi, se non anni, influendo in maniera estremamente negativa sulla vita del paziente.

La depressione si manifesta anche sul fisico

Anche se la depressione è a tutti gli effetti un disturbo psicologico, è possibile che si verifichino anche una serie di sintomi fisici, che possono anche essere conseguenza diretta del comportamento assunto dalla persona depressa. Troppo spesso tendiamo a dimenticare che corpo e mente sono collegati e che quindi un malessere mentale si traduce sovente in vari dolori muscolari o articolari, oltre a sensazioni di pesantezza degli arti o di difficoltà a respirare e molti altri. Come già accennato, la depressione può influire su quasi tutte le attività quotidiane e fondamentali per la sussistenza dell’individuo, tra le quali vi è l’alimentazione: in mancanza di una corretta alimentazione, un soggetto depresso potrebbe incorrere in una grave perdita di peso, oppure, al contrario, in un suo forte aumento.

Generalmente, il disturbo depressivo potrebbe creare problematiche anche durante il normale ciclo del sonno: molto spesso, infatti, pensieri negativi e ansie tendono a manifestarsi proprio di sera e durante la notte, nel momento in cui si tenta di prendere sonno. Questo meccanismo potrebbe impedire al paziente di godere di un sonno ristoratore, amplificando ancora di più tutti gli altri sintomi illustrati. Non è raro registrare casi di insonnia nelle persone affette da depressione, un sintomo che anche in questo caso potrebbe portare a problemi nelle relazioni sociali e al lavoro.

La carenza di sonno è strettamente legata a un altro sintomo fisico, particolarmente comune nella depressione: la mancanza di energie. Il soggetto depresso, infatti, tende a sentirsi perennemente stanco e privo di energie, incapace di compiere anche le attività più semplici e basilari. All’assenza di energia si accompagnano spesso perdita di concentrazione, ma anche manifestazioni più fisiologiche, come tremori e agitazione muscolare, tachicardia, nausea e alterazione della percezione della temperatura.

In conclusione, non devono essere sottovalutati neanche i dolori fisici. Durante la depressione, infatti, è possibile che si possano manifestare veri e propri dolori diffusi: da un semplice indolenzimento muscolare, fino a vere e proprie fitte di dolore in punti specifici del corpo. In ogni caso, è bene rivolgersi immediatamente al proprio medico di base o a uno psicoterapeuta, prima di consultare uno psichiatra specializzato, che saprà consigliare un percorso completo che potrà aiutare il paziente a imparare a gestire i vari aspetti della vita quotidianità per sopravvivere a uno dei disturbi più comuni e più sottovalutati che ognuno di noi potrebbe incontrare nella sua vita.

Previous

Stress: come alleviarlo con il supporto degli integratori alimentari

Next

L’evoluzione delle forniture per medici nell’assortimento di Medical Center Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche