Pubblicità

La prima volta che ho sentito la parola kefir non avevo davvero idea di cosa fosse. Un po’ in sordina questi granuli hanno attraversato il web e nei gruppi “Te lo regalo se viene a prenderlo” ho visto cominciare a fiorire richieste ed offerte di regalo.

A questo punto la curiosità ha avuto la meglio. In primis ho scoperto che leggenda vuole che sia stato Maometto a donare i primi grani di kefir agli avi dei montanari del Caucaso.

Ma cos’è esattamente il kefir? Scopriamo in questo articolo le proprietà del kefir, i benefici per la salute e le eventuali controindicazioni.

Kefir: caratteristiche e curiosità

Il kefir (dal turco keif ovvero sentirsi bene) è un alimento fermentato a base di latte fresco. Da questi granuli si ottiene una bevanda ricca di fermenti lattici e probiotici grazie alla fermentazione del latte; quindi il termine kefir designa sia la bevanda sia i granuli con cui viene preparata.

I granuli di kefir possono far fermentare solo il latte? No, va bene anche per il latte vegetale e l’acqua e zucchero e succhi di frutta.

Ma come viene fatto il kefir? Lo si preparava con latte di vacca, pecora o capra inoculandovi della flora batterica prelevati dallo stomaco dalla capra, ogni giorno metà del latte veniva sostituito con latte fresco per favorire la fermentazione e dopo una decina di giorni si formavano i granuli.

Si parla al passato perché  è tutt’altro che una scoperta attuale: si parla del consumo di bevande fermentate nel Libro della Genesi e ne parla anche Il Milione di Marco Polo che avrebbe rilevato l’uso di una bevanda fermentata in Cina e nel Caucaso. Attualmente sono stati condotti degli studi per comprendere se il kefir sia la causa della longevità del popolo del Caucaso.

Differenze fra kefir e lo yogurt

Yogurt e kefir sembrano molto simili, in realtà il kefir si ricava dall’azione fermentativa di ceppi batterici diversi e mentre lo yogurt diventa tale per via della fermentazione lattica, nello processo di fermentazione del kefir vengono usati anche alcol ed anidride carbonica.

Differenze fra kefir di latte e kefir d’acqua

Il kefir d’acqua, o tibicos, si ottiene aggiungendo i granuli di kefir a liquidi zuccherini quindi succhi di frutta, succhi di verdura, acqua di cocco o acqua e zucchero aromatizzata. Viene preferito da coloro che non consumano latticini o che consumano troppe bevande gassate e zuccherate. Attenzione: quando si prepara il kefir d’acqua, il barattolo in cui lo si chiude va aperto di tanto in tanto e messo in frigo, altrimenti esplode!

Kefir: proprietà e benefici

I granuli del kefir danno origine ad una straordinaria bevanda ricca di nutrienti e di proprietà benefiche per l’organismo.

Vediamo cosa contiene il kefir:

  • vitamine C, A, D, K2, Vitamina B9 (acido folico), B12 (cobalamina), B1 (tiamina) e B5 (acido pantotenico);
  • sali minerali (calcio, magnesio, fosforo);
  • folati.

Questi invece sono gli starter biologici contenuti nel kefir: Acetobacter, Lactobacillus (kefiri, parakefiri, kefiranofaciens subsp. Kefiranofaciens e subsp. Kefirgranum), Lactococcus e Leuconostoc, mentre tra i lieviti abbiamo: Candida, Kluyveromyces e Saccharomyces.

Ed ecco quali sono le proprietà del kefir:

  • aiuta a curare le ulcere;
  • è espettorante, quindi aiuta ad eliminare il catarro bronchiale;
  • protegge l’apparato circolatorio, previene l’infarto e l’aterosclerosi;
  • aiuta in caso di problemi a fegato reni e cistifellea;
  • previene le malattie del sistema nervoso;
  • protegge l’apparato digerente;
  • ottimo rimedio contro la dissenteria, la costipazione e l’intestino pigro;
  • rinforza il sistema immunitario;
  • proprietà antianemiche;
  • disintossica e purifica l’organismo;
  • impedisce la putrefazione intestinale;
  • previene l’insorgere dei tumori (ATTENZIONE: non sostituisce le cure chemioterapiche nel caso in cui si sia già rilevata la presenza di tumori),
  • aiuta in caso di problemi di diabete (in questo caso occorre optare per il kefir di latte) ed obesità;
  • aiuta ad alleviare la sindrome premestruale;
  • aiuta a rinforzare ossa ed unghie;
  • rafforza la flora batterica;
  • mineralizzante, utile in caso di convalescenza, periodo di stress ed alleato per gli sportivi;
  • aiuta a rilassarsi e controllare gli stati d’ansia e nervosismo;
  • aiuta a diminuire i livelli di colesterolo cattivo nel sangue;
  • apporta una buona dose di acido folico che è molto utile in gravidanza per evitare la malformazioni a cui può andare incontro il feto;
  • promuove la longevità.

Kefir: utilizzo e controindicazioni

Ora che abbiamo scoperto le benefiche proprietà del kefir, vediamo come preparare la bevanda.

Ricetta del kefir di Latte

occorrente:

  • 50g di granuli di Kefir di latte
  • mezzo litro di latte

Porre i granuli di kefir in un contenitore di vetro con coperchio, versarvi il latte dentro senza raggiungere l’orlo del contenitore, quindi chiudere. Se estate porre il contenitore in frigo se è inverno in un luogo a temperatura ambiente. Mescolare di tanto in tanto. Dopo 48 ore va filtrato per separare il liquido dai granuli. Si conserva in frigo per una settimana.

Ricetta del kefir d’acqua

occorrente:

  • mezzo litro di acqua
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 50 gr di kefir
  • il succo di mezzo limone
  • qualche foglia di menta o spezie ed aromi a scelta

Porre i granuli di kefir in un contenitore di vetro con coperchio. Versare l’acqua e lo zucchero ed il succo di mezzo limone, in più aggiungervi la scorza grattugiata, infine aggiungere la menta. Lasciar fermentare 48 ore in frigo se fa caldo o a temperatura ambiente se fa freddo. Mescolare regolarmente. Filtrare trascorse le 48 ore. Conservate in frigo e consumate entro una settimana.

Controindicazioni del kefir

Il kefir di latte è controindicato per chi soffre d’intolleranza al lattosio mentre quello d’acqua è controindicato per chi soffre di diabete. Si eviti in linea di massima di esagerare nel consumo per non andare incontro a crampi e stipsi.

Previous

Camomilla: proprietà, benefici, utilizzo e controindicazioni

Next

Alimenti anticolesterolo: i migliori cibi contro il colesterolo alto

2 comments

  1. Che tipo di latte serve? Latte di vacca appena munto, latte fresco del supermercato? Latte a lunga conservazione? Insomma quando si danno delle informazioni é necessario darle nella giusta misura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche