Pubblicità

L’insufficienza venosa: sintomi e cure

Il problema delle gambe che si gonfiano è un disagio che si manifesta molto spesso tra le persone che per ragioni di lavoro stanno molte ore sedute o molte ore in piedi. Sono le donne prevalentemente a soffrire di questo disturbo. In generale l’insufficienza venosa non è una vera e propria patologia, questo però non vale per tutte le donne, poiché vi sono dei disturbi ricorrenti che colpiscono proprio gli arti inferiori e che sono comunque legati a forme croniche di malattie più o meno severe.

Preservare la salute delle gambe

I disturbi alle vene delle gambe sono noti fin dai tempi più antichi. Infatti molte testimonianze sono arrivate fino a noi attraverso dei reperti archeologici dall’antica Cina e dalla Grecia antica, a quell’epoca i problemi alla circolazione venosa insorgevano poiché da troppo poco tempo gli esseri umani avevano assunto la posizione eretta e la pressione del sangue sulle valvole interne delle vene esercitava una pressione talmente forte alle quali le medesime valvole non erano abituate, iniziò cosi a manifestarsi il problema della cattiva circolazione e del gonfiore alle gambe, che per ovvie ragioni non potevano essere curati.

Rimedi contro le gambe gonfie: creme, farmaci e calze elastiche

Oggi invece disponiamo di moderni ritrovati di vario tipo per contrastare il dolore e il gonfiore alle gambe. In commercio si trovano creme e farmaci per combattere le difficoltà della circolazione; ma uno degli strumenti migliori per garantire alle gambe uno stato ottimale sono le calze elastiche a compressione graduata, un valido aiuto contro l’insufficienza venosa; le calze elastiche a compressione graduata servono principalmente per evitare il formarsi di trombi all’interno delle vene, e impedire agli arti inferiori di gonfiarsi e ad alleviare il dolore tipico dei problemi legati alla circolazione del sangue.

I sintomi dei disturbi di circolazione nelle gambe

Quali sono i sintomi dell’insufficienza venosa? Prima di tutto bisogna sottolineare che quando siamo in movimento, ovvero quando camminiamo, corriamo o facciamo le scale o i lavori domestici, esercitiamo un movimento benefico per la circolazione del sangue.

Quando invece stiamo a lungo seduti il sangue ristagna, ovvero circola più lentamente, esercitando una pressione all’interno delle vene, queste si dilatano e rendono ancora più lenta la risalita del sangue verso il cuore e nelle sue zone periferiche.

I sintomi principali di insufficienza venosa sono :

  • pesantezza alle gambe dopo che si è stati in piedi a lungo
  • dolore diffuso
  • evidente gonfiore alle caviglie e polpacci
  • comparsa di piccole vene sotto pelle ovvero di capillari
  •  presenza di lividi causati dalla rottura di piccoli vasi sanguigni
  • crampi notturni
  • ispessimento della pelle
  • comparsa di ulcere sempre a livello epidermico.

Chi viene colpito da insufficienza venosa

Come abbiamo già detto l’insufficienza venosa colpisce in prevalenza le donne di qualunque età, sebbene dopo i 50-60 anni l’incidenza colpisce anche la popolazione maschile. Inizialmente non è un problema grave, ma può aggravarsi e cronicizzarsi, quindi è bene prestare subito attenzione ai primi segnali e intervenire di conseguenza.

Quando si ha il sospetto di soffrire di insufficienza venosa e bene consultare il proprio medico . Ricorrere il più presto possibile alle calze a compressione graduata è un’ottima idea perché non si tratta di farmaci e i benefici si potranno rilevare già dopo pochi giorni di utilizzo. L’eventuale ricorso a farmaci dovrà invece essere strettamente valutato dal medico.

Questa tipologia di calza previene il ristagno dei liquidi e il formarsi di vene varicose, incrementa l’ossigenazione muscolare, e facilita la circolazione del sangue . Non sono calze strette o eccessivamente attillate ma sono state pensate proprio per esercitare una compressione graduata sulle pareti dei vasi delle gambe. Questo avviene in maniera mirata e efficace con una specifica mappatura che va a decrescere dal basso verso l’alto, poiché i piedi e le caviglie devono essere più compressi rispetto al ginocchio e al resto della gamba.

Calze belle che fanno bene

Oltre alla tipologia di calza elastica per l’insufficienza venosa “semplice” , che è il disturbo più frequente, esistono tipi specifici di calze a compressione graduata per scopi più specifici :

  • ci sono le calze anti-trombo che servono nel caso in cui una persona deve rimanere a lungo a letto con le gambe inattive ; in queste condizioni c’è il rischio che si formino coaguli e che la circolazione del sangue rallenti eccessivamente, provocando una trombosi profonda nelle gambe;
  • calze elastiche anti cellulite; la cellulite è infatti anch’esso un problema legato alla circolazione sanguigna e quindi sia calze che pantaloncini elastici possono senz’altro aiutare;
  • calze a compressione da indossare dopo interventi chirurgici;
  • calze da indossare se si prende spesso l’aereo o per altre situazioni che richiedono lunghi periodi seduti ;
  • calze a compressione graduata per le vene varicose.

Oggi sono prodotti realizzati con la massima cura anche a livello estetico, se ne trovano di varie tipologie e in vari colori per poterle abbinare senza problemi a qualsiasi tipo di abbigliamento.

Previous

Tutto sulla Pediculosi. Cosa sono i pidocchi, sintomi, cura, prevenzione, come si trasmettono e quanto vivono

Next

Le migliori terme del Trentino Alto Adige: Comano, Levico, Merano, Pejo, Pozza, Rabbi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche