Pubblicità

Mascara, uno dei migliori alleati delle donne. Ciglia voluttuose e soprattutto lunghe, ecco che cosa ci dona, a patto che però lo utilizziamo correttamente.

Quanto ne sapete in proposito? In primis scegliamo il migliore, Bottega Verde è un ottimo brand che offre sconti, periodicamente numerose offerte ed in pratica il mascara è in regalo quasi sempre (fate un ordine, usufruendo magari di uno sconto, e scoprirete che è in omaggio).

Mascara: consigli per usarlo al meglio

Passiamo alle dritte sul come usarlo:

  1. Non applicarlo solo sul lato esterno ma tenere conto anche del lato interno;
  2. Se le ciglia son molto corte usare il piega ciglia per poter più facilmente poi stendere il mascara, oppure si usa un allungante e poi un incurvante sulle punte;
  3. Va cambiato ogni due/tre mesi per evitare infezioni e batteri;
  4. Prima di usarlo immergere lo scovolino in un bicchiere di acqua bollente;
  5. Se si ècommesso qualche errore applicandolo èbene usare un cotton fioc imbevuto di tonico o latte detergente per correggere;
  6. Il segreto per evitare l’effetto ciglia finte èconcentrarsi sulle radici e non sulle punte e soprattutto usare solo la punta dello scovolino, dopo aver tolto l’eventuale eccesso di mascara;
  7. Non muovete lo scovolino da destra a sinistra se non volete ritrovarvi con ciglia grosse e pesanti;
  8. Usare un mascara apposito per le ciglia inferiori;
  9. Se i grumi iniziano a comparire per eliminarli usare uno scovolino pulito.

Un bonus: non gettate via le boccette e gli scovolini usati, lavate ed asciugate per bene, quindi versate nella boccetta dell’olio di ricino che applicherete sulle ciglia per rinforzarle.

Una volta arrivati a sera usare un prodotto bifasico con base oleosa per struccare le ciglia.

Mascara: come scegliere quello giusto

In base a cosa scegliete il mascara? Se non avete un’idea precisa ecco il nostro decalogo:

  • Ciglia naturali, per un effetto non artefatto il consiglio èusarne uno classico;
  • Ciglia definite, scegliere uno scovolino a spirale che avvolge ogni singola ciglia dalla radice alle punte;
  • Ciglia extra lunghe, scegliere uno scovolino con setole corte;
  • Ciglia voluminose, scegliamo allora uno scovolino fitto  da usare con un movimento da destra a sinistra;
  • Ciglia effetto fake lashes, bisogna scegliere uno scovolino con setole grosse in silicone;
  • Ciglia effetto twiggy, in questo caso scegliamo un scovolino a doppia elica.

Combinare i mascara tra loro va bene? Certo, se ad esempio abbiamo allungato, ma non ottenuto volume possiamo combinare i due mascara per ottenere l’effetto che desideriamo.

Mascara: gli errori da non fare

Vediamo quali sono gli errori da evitare:

  • “Pompare” il mascara per cercare di tirar su più prodotto possibile perché entra l’aria e si ossida e si possono creare grumi;
  • Usare mai il mascara oltre la sua data di scadenza;
  • Usare lo scovolino zuppo di prodotto, le ciglia possono incollarsi tra di loro;
  • Usare il piega ciglia dopo l’applicazione del mascara, si rischia di danneggiarle.

In ultimissimo, breve guida su come si usa il mascara:

  1. Poggiare delicatamente lo scovolino alla base delle ciglia e muoverlo a zig zag, con delle piccole oscillazioni da destra verso sinistra;
  2. Andare verso le punte delle ciglia mantenedo il movimento oscillatorio per dividere bene le ciglia;
  3. Spalancare bene gli occhi e poi chiuderli passando il pennello sulle punte delle ciglia.

Infine chiudete l’occhio e passate. Questo passaggio permette di eliminare qualsiasi grumo che si è formato.

Quali sono le vostre dritte?

Previous

Acido borico: cos'è, a cosa serve, uso, controindicazioni, effetti collaterali

Next

Lupini: proprietà, benefici, valori nutrizionali, calorie, utilizzo e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche