Pubblicità

Vi piacciono le nespole? Sono un frutto particolare, non tutti ne sono attratti, ma i più le gradiscono. Hanno un gradevole sapore, un buon profumo quando sono mature e non sono difficili da coltivare. Ma non è tutto. Scopriamo le proprietà delle nespole, i benefici per la salute, gli usi e le eventuali controindicazioni.

Nespole: caratteristiche e curiosità

Il Mespilus germanica, della famiglia delle Rosaceae, è il nespolo più comunemente diffuso da noi, ma ne esistono diverse varietà. La curiosità maggiore di questa specie è che di norma, dopo esser raccolte, le nespole andrebbero lasciate riposare sulla paglia di modo da perdere quella nota asprognola. In realtà è un falso frutto perché la polpa è semplicemente una escrescenza che protegge il contenuto interno.

Questo nespolo, diffuso in Europa, è un albero che può raggiungere i 5 metri di altezza, non è un sempre verde ed i suoi fiori sono bianchi e semplici. Dopo maggio, l’albero comincia a fruttificare ed i frutti si potranno raccogliere solo sul finire dell’autunno. La pianta resiste bene al gelo e fruttifica dopo otto anni circa.

L’Eriobotrya japonica è invece il nespolo giapponese, in realtà originario della Cina, ed è un piccolo albero sempreverde, munito di spine, fiorisce in inverno e regala dei frutti chiari con buccia liscia in maggio.

Si suppone che le prime coltivazioni avessero avuto origine nell’Asia Minore (I millennio a.C.) e da qui se ne sia poi diffusa la coltura nel Mediterraneo. Come spesso abbiamo visto in epoca medievale se ne scoprirono i benefici ed il frutto venne quasi considerato alla stregua di un farmaco, veniva usata soprattutto per i problemi intestinali e contro la febbre.

Una curiosità: era usanza, in tempi lontani, piantare un nespolo in giardino per tener lontane le streghe.

Nespole: proprietà e benefici

Nel Medioevo quindi si conoscevano già i benefici delle nespole, voi li conoscete?

Prima di dare uno sguardo a questo aspetto vediamo cosa contengono le nespole:

  • Sali minerali (magnesio, rame, manganese, selenio, zinco, sodio, potassio, ferro, calcio, fosforo);
  • Vitamine (A, C, B1, B2, B3, B6);
  • Acqua 85,30g;
  • Carboidrati 6,10g;
  • Zuccheri 6,10g;
  • Proteine 0,40g;
  • Grassi 0,40g (omega3 e 6);
  • Fibra 2,10g (pectina);
  • Acidi organici (tannini, malico, acetico, citrico, formico e tartarico);
  • Amminoacidi (acido aspartico e acido glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina);

Ed ecco quali sono le proprietà delle nespole:

  • diuretica e drenante, la nespola difatti aiuta a smaltire il ristagno dei liquidi;
  • astringente, quindi un buon anti diarroico, ma attenzione da acerba;
  • regola l’intestino, viceversa da matura è un valido rimedio contro la stipsi;
  • rimineralizzante, poiché ricca di sali minerali ed è un buon aiuto per gli sportivi;
  • antidepressiva, dato che ricca di magnesio, consigliata soprattutto alle donne che soffrono di sindrome premestruale;
  • anti colesterolo cattivo, se si soffre d’ipercolesterolemia si dovrebbero mangiare le nespole;
  • ipotensiva, essendo ricca di potassio è indicata per chi soffre di pressione alta;
  • amica della linea, aumenta il senso di sazietà quindi può rivelarsi un buono spuntino pomeridiano;
  • regola il sebo, la polpa è indicata per equilibrare la pelle acneica;
  • fortifica ossa e denti, perché ricca di calcio;
  • antiossidante, grazie al betacarotene la nespola aiuta a contrastare l’azione dannosa dei radicali liberi, ottimo per prevenire le rughe del viso;
  • antinfiammatoria, ebbene sì, la nespola aiuta a ridurre le infiammazioni, consigliata in particolare contro le emorroidi e le affezioni del cavo orale;
  • febbrifuga, è difatti antipiretica come si scoprì in epoca medievale;
  • detox, aiuta ad eliminare le tossine dall’organismo;
  • epatoprotettiva, molto utile per depurare e proteggere il fegato;
  • protegge il colon da infiammazioni e dalla formazione di cellule tumorali;
  • contrasta la formazione dei calcoli renali ed il ristagno di acido urico;
  • contrasta i problemi cardiovascolari.

Nespole: utilizzo e rimedi naturali

 

Passiamo agli utilizzi, in cucina e come rimedio naturale.

Decotto di nespole astringente

occorrente:

  • la polpa di tre nespole,
  • acqua.

Lavate e pelate le nespole non troppo mature, estraete i noccioli e buttateli. Ponete la polpa a bollire in un bricco d’acqua per 5 minuti. Lasciate riposare a fuoco spento per altri 5, quindi filtrare. Da bere contro la dissenteria e contro le infiammazioni del cavo orale.

Marmellata di nespole

occorrente:

  • 1 kg di nespole,
  • 800 gr di zucchero di canna.

Si lavano le nespole mature e si pelano. Si tolgono i noccioli e si buttano. Si mette a bollire la polpa con lo zucchero, mescolare spesso e far cuocere per 45 minuti. Quando è pronta si versa nei vasetti sterilizzati, si capovolgono per due ore e poi si ripongono.

Liquore di nespola

occorrente:

  • 200 gr di noccioli di nespole,
  • 500 gr di zucchero,
  • 500 ml di alcol a 90°,
  • 600 ml di acqua.

Ponete i semi di nespola a seccare al sole per 2 giorni. Togliete loro la pellicina marrone e poneteli in un vaso a chiusura ermetica. Fate uno sciroppo con lo zucchero e l’acqua. Versate lo sciroppo e l’alcol sui noccioli. Chiudete bene e fate macerare in un luogo buio per un mese, agitando una volta al giorno. Filtrate, imbottigliate e lasciate riposare un altro mese. Questo liquore ha proprietà digestive.

Maschera viso per pelli grasse

occorrente:

  • la polpa di 4 nespole,
  • 4 cucchiai di farina d’avena,
  • 1 cucchiaio di miele,
  • 1 albume d’uovo.

Frullare la polpa delle nespole ed aggiungerla agli altri ingredienti. Stendere sul viso e sciacquare dopo 15 minuti.

Maschera viso antiage

occorrente:

  • argilla bianca qb,
  • tè verde,
  • la polpa di 3 nespole,
  • 1 bicchiere di petali di rosa canina o frutti essiccati.

Frullare i petali, o i frutti secchi di rosa canina, con la polpa delle nespole. Aggiungere l’argilla e diluire con poco tè verde. Stendere sul viso e tenere in posa 20 minuti. Sciacquare con il restante tè verde freddo.

Nespole: controindicazioni ed effetti collaterali

Sul fronte controindicazioni, le nespole non ne hanno di particolari, salvo che non si possono ingerire i noccioli che contengono acido cianidrico, una sostanza tossica. I noccioli se ingeriti possono causare nausea e mal di testa.

Attenzione però alle tisane fatte con le foglie del nespolo, evitatele perché posso dar luogo a malessere ed interferire con l’assunzione di farmaci. La medicina cinese sostiene che siano curative, ma voi chiedete al medico prima di testarle.

Come scegliere le nespole? Assicuratevi che siano morbide, non raggrinzite né bacate. Si conservano in frigo per sette giorni circa.

Vi piacciono le nespole?

Previous

Manioca: proprietà, benefici, utilizzo e controindicazioni

Next

Broccoli: proprietà, benefici, valori nutrizionali, calorie, utilizzi e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche