Pubblicità

Fra le erbe di campo che sono commestibili ed hanno anche delle benefiche proprietà, vi è la Nigella sativa altrimenti nota come cumino nero. Scopriamo le proprietà della nigella, i benefici per la salute, gli utilizzi e le eventuali controindicazioni.

Nigella: caratteristiche, curiosità e coltivazione

La Nigella sativa è una pianta annuale, facente parte della famiglia delle Ranunculaceae, probabilmente originaria dell’Asia. L’etimologia del nome deriva dal latino “niger” che indicava il colore nero dei semi.

I primi a scoprirla e ad apprezzarne le buone qualità furono gli egizi, ne sono state ritrovate tracce nelle tombe, si sa che ne ricavavano un olio, ma gli usi non sono ancora stati scoperti. Nel medioevo diverse ricerche fecero emergere le proprietà rinvigorenti e ricostituenti della nigella.

nigella sativa pianta officinaleLa nigella si presenta come una una piantina di circa 30 cm di altezza, con foglie ramificate e lineari, i fiori sono bianchi molto delicati e fioriscono in estate, i frutti sono capsule grandi e rigonfie contenenti diversi semi.

Come si coltiva la nigella: va seminata all’inizio della primavera in buchi poco profondi, le piantine devono essere distanti fra loro minimo 25 centimetri. Dopo soli quattro mesi, la pianta termina il suo ciclo vitale. Si può coltivare anche in vaso, l’importante è che si scelga un luogo ben assolato ed il terreno non sia eccessivamente umido. C’è da dire inoltre che si sviluppa bene nei climi caldi ma mal tollera la siccità. Della niella si raccolgono i semi, che poi vanno essiccati.

Se invece decidete di andarla a raccogliere in luoghi incolti, attenzione alla pianta che le somiglia molto, ovvero la Damigella, dai fiori azzurri e che non è commestibile.

Scopriamo quindi cos’ha di speciale questa pianta e perché è bene coltivarla e raccoglierne i semi.

Nigella: proprietà e benefici

In tempi antichi si riteneva che la nigella fosse una panacea per tutti i mali, purtroppo non lo è, ma sono comprovate le sue benefiche proprietà.

Ecco le proprietà della nigella:

  • rafforza il sistema immunitario;
  • favorisce la circolazione;
  • è ideale per curare le articolazioni affette da reumatismi;
  • ha proprietà carminative per cui aiuta ad espellere i gas dell’apparato digestivo;
  • evita la formazione di parassiti nell’intestino;
  • regola il ciclo mestruale;
  • depurativo e disintossicante, in particolare la nigella è alleata del fegato e dei reni;
  • aiuta a regolarizzare la pressione;
  • diminuisce la secrezioni dell’apparato respiratorio;
  • tonificante ed energizzante;
  • stimola la digestione;
  • combatte l’iperacidità gastrica proteggendo lo stomaco dall’ulcera e prevenendo il fastidioso reflusso;
  • previene il colon irritabile;
  • previene la formazione di calcoli biliari e della vescica;
  • aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo e la glicemia;
  • aiuta a combattere l’asma e le allergie;
  • diuretico;
  • antiflogistico, in particolare attivo contro la cefalea;
  • riscaldante, ideale per quelle persone che soffrono particolarmente il freddo;
  • antitumorale, in particolare efficace nella prevenzione del cancro al colon;
  • antivirale;
  • idrata la pelle secca;
  • rinforza unghie e capelli fragili;
  • ha effetti antiossidanti sulla pelle del viso;
  • è utile contro acne, dermatite, punture d’insetti, eritemi, scottature o eczema;
  • proprietà anticonvulsionanti, indicato in caso di epilessia;
  • contrasta la dipendenza da oppioidi;
  • protegge il sistema cardiovascolare;
  • previene le patologie cerebrali associate al morbo di Parkinson;
  • ha proprietà analgesiche ed antipiretiche (abbassa la febbre);
  • antimicotico;
  • blandamente lassativo.

Ed ecco quali sono i principi attivi e le caratteristiche nutrizionali della nigella:

  • arginina;
  • acido ascorbico;
  • acido glutammico;
  • carboidrati;
  • carotene;
  • cisteina;
  • sali minerali: ferro, calcio, magnesio, potassio, selenio, zinco;
  • lisina;
  • proteine;
  • vitamine A-B1-B2-C;
  • omega3 ed omega6;
  • prostaglandina;
  • nigellon;
  • saponine;
  • polifenoli;
  • alcaloidi.

Nigella: utilizzi e rimedi naturali

ATTENZIONE: le informazioni riportate in questo articolo sono a scopo informativo, non sono pertanto da considerarsi prescrizione medica. Prima di assumere rimedi a base di nigella rivolgersi al proprio medico. I rimedi naturali non sono in alcun modo sostitutivi dei farmaci, possono presentare controindicazioni e causare reazioni allergiche, si consiglia sempre per tanto molta cautela nell’utilizzo.

In commercio si trovano saponi ed oli a base di nigella, le perle e naturalmente i semi.

Il sapone è ideale per prendersi cura della pelle particolarmente sensibile, facile all’arrossamento, alla secchezza o all’acne.

L’olio è ideale per vari usi, dall’uso topico all’uso cosmetico per rafforzare unghie e capelli e per prevenire le rughe, nonché per alleviare le dermatiti e le punture d’insetto e per massaggiare le articolazioni doloranti. L’olio può esser applicato sui capelli come impacco rigenerante oppure può esser assunto per via orale. Per i massaggi si possono mischiare alcune gocce di olio di nigella con un olio base come l’olio di mandorle.

I semi trovano impiego in cucina e come abbiamo visto hanno diverse benefiche proprietà, hanno un gradevole aroma di cipolla con retrogusto fruttato e leggermente amaro. Si possono utilizzare come guarnizione per pani e biscotti salati, nelle insalate, nei sottaceti, nei sandwich e nelle creme di verdure. Si abbinano bene con il pesce, la carne bianca e le verdure.

Le perle possono essere assunte al risveglio e la notte, soprattutto contro le affezioni bronchiali.

Nigella: controindicazioni ed effetti collaterali

Non assumere in gravidanza, ha effetti abortivi, e non assumere durante l’allattamento. Non somministrare ai bambini senza previa consultazione con il pediatra.

Chiedere il consiglio del medico curante in caso di reazioni allergiche, epilessia, disfunzioni renali, calcoli e patologie croniche al fegato.

L’assunzione di rimedi a base di nigella non deve protrarsi oltre i sei mesi.

Conoscevi già le proprietà e gli usi della nigella?

Previous

Gastrite: sintomi, cause, alimentazione e rimedi naturali

Next

Papavero: proprietà, benefici, utilizzo, rimedi naturali e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche