Pubblicità

Puntarelle, altro non sono che i germogli della cicoria catalogna. Se andate a Roma non potete non provare qualche ricetta locale perché nel Lazio sono un’istituzione.

Andiamo alla scoperta di questa verdura dal gusto intenso e dalle buone proprietà, parleremo inoltre delle controindicazioni.

Puntarelle: proprietà e benefici

Le puntarelle non sono solo buone ma sono anche ricche di proprietà benefiche.

Vediamo i valori nutrizionali (100 gr.):

  • 93 g di acqua
  • 1,7 g di proteine
  • 0,3 g di lipidi
  • 0 mg di colesterolo
  • 0,7 g di carboidrati
  • 0,7 g di zuccheri
  • 4 g di fibre
  • 0,9 mg di ferro
  • 100 mg di calcio
  • 47 mg di fosforo
  • 30 mg di magnesio
  • 420 mg di potassio
  • 45 mg di sodio
  • 0,42 mg di zinco
  • 0,06 mg di vitamina B1 o Tiamina
  • 0,10 mg di vitamina B2 o Riboflavina
  • 0,5 mg di vitamina B3 o Niacina (o vitamina PP)
  • 110 µg di acido folico o vitamina B9
  • 286 µg di vitamina A retinolo eq.
  • 297 µg di vitamina K
  • 24 mg di vitamina C

Ed ecco i benefici e le proprietà delle puntarelle:

  • favoriscono la digestione, in particolare contrastano gli effetti negativi degli eccessi alimentari;
  • sono diuretiche quindi aiutano ad espellere i liquidi in eccesso;
  • sono depurative pertanto favoriscono l’eliminazione delle tossine dall’organismo;
  • stimolano la circolazione sanguigna;
  • aiuta l’eliminazione dei grassi dall’intestino;
  • favorisce il buon funzionamento dell’apparato digerente e del fegato;
  • rimineralizzante, aiuta a reintegrare i sali minerali persi;
  • ha un’azione leggermente lassativa difatti è adatta a chi soffre di stipsi;
  • stimola l’eliminazione della bile;
  • ha proprietà antiossidanti, in particolare aiuta a proteggere la vista;
  • ostacola la formazione e l’accumulo di colesterolo cattivo;
  • ha blande capacità antinfiammatorie che riguardano soprattutto le articolazioni;
  • aiuta a tenere bassi i livelli di glicemia;
  • contrasta stanchezza e spossatezza;
  • aiuta ad eliminare i chili in eccesso.

Si stanno inoltre studiando i possibili effetti ansiolitici e rilassanti.

Puntarelle: uso e controindicazioni

Le puntarelle non sono scevre di controindicazioni, se ne sconsiglia il consumo alle donne in gravidanza poiché stimolano le mestruazioni e dunque possono causare un aborto spontaneo.  E’ meglio evitare anche durante l’allattamento.

Da evitare anche in caso di calcoli biliari, è bene chiedere comunque al medico.

Per quanto riguarda l’utilizzo, il consiglio migliore è di consumare le puntarelle crude per sfruttarne appieno i benefici.

Attenzione per chi fa uso di farmaci beta bloccanti, un consumo massiccio può inibire l’azione del farmaco.

Anche chi soffre di gastrite o di ulcera peptica dovrebbe evitarle, poichè la presenza di inulina aumenta le fermentazioni intestinali.

Dopo l’acquisto la si può conservare per circa una settimana, vanno avvolte però in un un canovaccio e messe in un sacchetto di cellophane.

Il modo migliore per gustare le puntarelle è ad insalata con olio, sale ed acciughe, chi le preferisce cotte invece le può condire con olio e limone. Un altro modo di condirle è quello di spruzzarvi sopra aceto, olio e sale aggiungendo poco pepe e prezzemolo tritato.

Potete poi in realtà condirle come più vi aggrada anche con capperi, salsa di soia, pesto, pistacchi, pinoli, insomma largo alla fantasia.

Il consumo è consigliato soprattutto in occasione delle feste in cui si fanno pasti più abbondanti.

Come si preparano le puntarelle? Parliamo di pulizia.

Stacchiamole dal cespo e tagliamo il germoglio procedendo verso il cuore dell’ortaggio. Togliamo la parte terminale del gambo e le foglie verdi, quindi tagliamo ciò che rimane a listarelle.

Prendiamo un recipiente e lo riempiamo di acqua ghiacciata, quindi immergiamo le puntarelle e poniamo in frigo per un’ora. A questo punto saranno più morbide e meno amare.

I bastoncini ora sono pronti per essere bolliti o consumati a crudo come più vi piace.

Ecco una ricetta veloce con le puntarelle.

Puntarelle in insalata

Ingredienti:

  • 500 gr di puntarelle
  • 3 alici
  • 2 cucchiai di aceto di vino
  • capperi sotto sale
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe

Preparazione:

Prendere una manciata di capperi e metterli per poco in acqua calda per privarli del sale.

Tritarli insieme alle acciughe, aggiungere l’olio evo e unire le puntarelle. Aggiustare di sale se serve e aggiungere il pepe.

Puntarelle: cosa sono e quali sono le caratteristiche

Puntarelle è il nome con cui s’identificano i germogli della cicoria asparago altrimenti nota come cicoria catalogna.

Si tratta di germogli bianchi con foglioline verdi e frastagliate, compatti, croccanti ma anche teneri dal sapore più o meno amaro.

La cicoria catalogna o Chichorium intybus fa parte della famiglia delle Composite e si raccoglie nei mesi invernali. La coltivazione è specialmente diffusa nelle regioni centro-meridionali.

La coltivazione non è per niente difficile, anzi, essendo la cicoria un ortaggio selvatico risulta molto resistente e produttivo.

I periodi più adatti per coltivare le puntarelle sono due: la primavera e l’autunno. L’ortaggio non sopporta il caldo e maturerebbe troppo velocemente diventando duro, mentre in inverno a causa del freddo i germogli potrebbero marcire.

Dunque la semina per la coltivazione in primavera deve avvenire nei mesi di febbraio/marzo mentre in luglio/agosto per quella autunnale. Se avete scordato di seminarla allora potete acquistare le piantine dal vivaista e le trapianterete nei mesi di aprile/maggio in primavera e di settembre/ottobre per l’autunno.

Dopo 60 giorni dal trapianto le puntarelle raggiungono la maturazione. Possono essere raccolte in due modi estraendo la pianta per intero dal terreno, oppure tagliando a filo la parte centrale, quella contenente i germogli, la seconda ci da l’opportunità di avere poi nuovi germogli.

E’ importante ricordare che occorre rispettare una certa distanza quando si seminano o si trapiantano, almeno 30-40 cm sulla fila, con 50 cm tra una fila e l’altra.

Le puntarelle non amano i climi aridi e secchi, hanno un fabbisogno idrico nella media e sopportano bene le piogge. L’ortaggio non è soggetto ad attacchi di parassiti, al massimo può esser presa di mira dagli afidi neri.

Volete scoprire le ricette con le  puntarelle? Continuate a seguirci.

Previous

Piperina: proprietà, benefici, utilizzo e controindicazioni

Next

Dermatite atopica: cos'è, cause, sintomi, alimentazione consigliata e rimedi naturali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche