Pubblicità

Lo sciroppo d’acero, molto popolare in America e Canada, è un liquido denso, dolce che si ottiene bollendo la linfa dell’acero da zucchero (Acer saccharum).

L’acero del Canada, o acero da zucchero, produce una linfa molto zuccherina, ma vi è anche un’altra specie, l’Acer saccharum nigrum, o acero nero. Da cui si estrae ugualmente la linfa per la produzione di questo sciroppo anche se in realtà quest’albero è molto più apprezzato per il suo legno.

Come si produce lo sciroppo d’acero?

Il Canada e gli Stati Uniti sono i maggiori produttori. La linfa si raccoglie in primavera, fra marzo ed aprile, da alberi che hanno almeno quarantacinque anni e per ottenere un litro di sciroppo d’acero ne servono ben 40 litri di linfa. Quindi la linfa viene spillata dall’abero, subito bollita per evitare che fermenti e per far evaporare l’acqua, quindi viene filtrata. In base alla raffinazione si può ottenere un prodotto di tipo:

  • A: molto lavorato, sapore delicato, di colore chiaro;
  • B: buon sapore;
  • C: sapore molto forte e colore scuro.

La variante più facile da trovare è quella più chiara e raffinata mentre è più difficile da trovare quella più grezza e meno raffinata, ovvero la C.

Sciroppo d’acero: proprietà e benefici

Lo sciroppo d’acero è dunque un dolcificante naturale decisamente migliore dello zucchero bianco, è meno calorico (un cucchiaino 26 kcal contro lo zucchero bianco 40) e ha diverse benefiche proprietà.

Lo sciroppo d’acero contiene:

  • 67% carboidrati semplici;
  • sali minerali (calcio, ferro, potassio, magnesio, zinco e manganese);
  • acido malico, acido benzoico, acido gallico, acido cinnamico;
  • flavanoli (catechina, epicatechina, rutina e quercetina);
  • vitamine (B1, B2, B5, B6).

Parlando delle proprietà benefiche, citiamo in primis il suo essere depurativo, contribuisce infatti a ripulire l’organismo dalle scorie e dalle tossine.

Lo sciroppo d’acero è rimineralizzante vista la grande quantità di sali minerali.

Ha proprietà antiossidanti poiché contrasta gli effetti dannosi dei radicali liberi. E’ inoltre defaticante e analgesico oltre che antiflogistico.

Migliora l’attività del metabolismo ed è un ottimo rinvigorente. In pochi sanno che è un buon rimedio contro la gastrite. Inoltre aiuta ad abbassare il colesterolo.

Grazie alla grande quantità di ferro è un ottimo rimedio contro l’anemia ed agevola la formazione dei globuli rossi. Mentre invece grazie al magnesio si rivela utile contro ansia, agitazione e nervosismo.

Sapevate che lo sciroppo d’acero è nemico della ritenzione idrica? Ebbene sì, aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso ed il gonfiore della pancia.

Grazie al calcio ed al fosforo rafforza denti, unghie, capelli ed ossa, mentre invece grazie al potassio aiuta a regolare la pressione sanguigna. Lo zinco si rivela utile per un buon funzionamento ormonale mentre il manganese tutela il sistema nervoso e quello immunitario.

La vitamina B1 protegge e rafforza cuore, fegato e reni, la vitamina B2 favorisce il corretto svolgimento di diverse reazioni metaboliche, idem la B3, mentre la B6 funge da coenzima all’interno dei processi costitutivi degli amminoacidi.

Sciroppo d’acero: uso e controindicazioni

Partiamo subito dalle controindicazioni, sebbene lo sciroppo d’acero abbia buone qualità e non sia dannoso come lo zucchero bianco non bisogna esagerare. E’ sconsigliato a chi soffre di diabete e può dar luogo ad intolleranze ed allergie.

E’ consigliabile leggere sempre l’etichetta del prodotto che acquistate per scoprire se vi è stato aggiunto ulteriore zucchero.

L’uso che si può fare dello sciroppo d’acero è vario e non solo mangereccio. Ad esempio si possono fare maschere per il viso, basta miscelare un cucchiaio di sciroppo d’acero con uno di yogurt e tre di argilla. Ci si può aggiungere del limone o del tea tree oil per la pelle impura, o polpa di avocado per la pelle secca o ancora rosa mosqueta per un effetto antiage.

Fra le ricette tipiche in cui si usa lo sciroppo d’acero abbiamo i pancake.

Ingredienti:

  • 240 gr di farina
  • 2 uova
  • 300 ml latte
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 40 gr di sciroppo d’acero
  • burro qb

Lavorare con le fruste la farina, le uova, il latte ed il lievito finché il composto non è omogeneo e senza grumi. In una padella antiaderente fate sciogliere pochissimo burro (non deve diventare nero). Quindi versate un piccolo mestolo dell’impasto nella padella e lasciatelo sul fuoco a fiamma bassa, quando fa le bollicine in superficie è tempo di girarlo. Ripetere fino a che non è finita la pastella. A questo punto impilare i pancake e cospargerli di sciroppo d’acero. Leggi anche: Ricette Pancake.

Un’altra ricetta molto interessante è quella dei brownies.

Ingredienti:

  • 300g di polpa di zucca cotta al vapore o al forno;
  • 50g farina di mandorle;
  • 60g farina integrale;
  • 20g di cacao amaro;
  • 30g di sciroppo d’acero;
  • un pizzico di sale;
  • mezzo cucchiaino di cremor tartaro;
  • latte vegetale qb;
  • 50 grammi di cioccolato fondente.

Frullare la polpa di zucca con lo sciroppo. Quindi lavorare insieme farina, lievito, sale e cacao, unirvi la zucca e lo sciroppo frullati. Amalgamare aggiungendo latte se serve , infine unire il cioccolato fondente a scaglie. Porre della carta da forno in una teglia quadrata o rettangolare versarvi il composto e cuocere per 40 minuti a 180°. Quando è freddo tagliare a cubi.

Durante una giornata depurativa di soli liquidi provate a sciogliere quattro cucchiai di sciroppo d’acero in quattro litri di acqua e bevete durante la giornata. Se invece siete in carenza di forze e di energie basterà un cucchiaino per ridarvi vigore.

Lo sciroppo d’acero si può acquistare nei negozi ben forniti oppure online, il prezzo varia, si possono superare anche i 15 euro per 500 ml.

Previous

Bulldog inglese: caratteristiche, carattere, prezzo, cure e alimentazione

Next

Cardioaspirin®: generalità, uso, prezzo, controindicazioni ed effetti collaterali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche