Pubblicità

La segale, è un cereale della famiglia delle Graminaceae conosciuto da lungo tempo e molto diffuso nel mondo. Questo cereale ha caratteristiche simili al frumento: il fusto si compone di più internodi e può raggiungere i due metri di altezza, è longilineo ed elastico; le foglie sono laminate, corte, di un colore fra il verde ed il ceruleo; la spiga è lunga, sottile terminante con una spighetta trifora per ogni dente del rachide.

Esistono diverse varietà di segale: si distinguono per via del colore della cariosside bianca, verdognola, grigia o nera o per il periodo di semina.

In sostanza le varietà di segale più diffuse sono quella invernale, coltivata nel centro Europa, dove il clima è più rigido, si semina fra luglio-agosto e si raccoglie il settembre dell’anno dopo, e quella estiva che viene invece seminata nelle regioni con un clima più mite e che si semina in settembre/ottobre e si raccoglie nell’autunno successivo.

Da dove viene la segale? Si suppone che sia nativa dell’Asia minore, circa duemila anni fa, da qui poi si è diffusa in Grecia e nell’Europa del Nord, mentre in Italia i Romani non la gradivano e chiamavano la farina ottenuta “pane della pelebe”. In altri luoghi intanto la segale trovava terreno fertile come cibo e gli steli venivano anche usati come giaciglio o per la costruzione dei tetti. La diffusione vera e propria della segale si ebbe fra il X secolo d.C, in Europa ed il XVI e XVII secolo in America ed in Giappone, vista la sua natura rustica e la sua adattabilità alle temperature fredde ed alla siccità o ai climi più caldi. Nel settecento, la segale era uno dei cereali più coltivati.

La sua particolare diffusione nei nostri tempi si deve al fatto si è scoperto il suo alto tasso di nutrienti e le sue benefiche proprietà, ma anche alla facilità con cui può esser conservata , alla notevole digeribilità ed al gusto neutro. La farina di segale viene utilizzata principalmente per la produzione del pane nero e dei prodotti da forno ma è anche impiegata nella preparazione di zuppe, pappe, minestre e fiocchi di cereali, il cereale fra l’altro si usa anche per preparare alcolici, anche se in alcune parti del mondo il suo principale impiego è esser il pasto del bestiame.

A differenza del pane di frumento, quello di segale rimane un po’ più duro e compatto, aromatico ma acidulo ed ha meno calorie.

Curiosità: la segale può esser vittima di un parassita nocivo anche per l’uomo, a seguito dell’attacco di questo fungo prende il nome di segale cornuta.

Proprietà benefiche della segale

La segale deve i suoi benefici e le sue proprietà alla ricchezza di nutrienti quali:

  • fosforo
  • potassio
  • magnesio
  • calcio
  • zinco
  • rame
  • selenio
  • manganese
  • ferro
  • vitamine: PP, E, B5, B1, B6, B3, B2, K, A, J, B9
  • fibre
  • acido folico
  • acido pantoteico
  • aminoacidi: alanina, arginina, acido aspartico e glutammico, glicina, isoleucina, fenilalanina, istidina, leucina, metionina, lisina, triptofano, valina, prolina, serina, treonina e tirosina.

Le proprietà benefiche della segale sono molte e varie e non a caso ne è consigliato il consumo, preferibilmente rispetto al grano.

L’alto contenuto di fibre lo rende un alimento adatto contro problemi di stipsi ed infiammazioni intestinali, è dunque un lassativo naturale.

La segale fra le sue proprietà ha quella d’esser energetica e ricostituente ideale per chi deve riprendersi da lunghi periodi di stress o malattia o per chi lavora a livello mentale, il fosforo difatti è un grande alleato del cervello.

Riesce a tenere a bada il colesterolo lo sapevi? Ebbene sì la segale è ottimale per mantenere le arterie elastiche e libere ed il sangue fluido, grazie alla lisina. E’ naturalmente consigliata per chi soffre di ipertensione.

La segale è antiage, ovvero ricca di antiossidanti che prevengono l’invecchiamento precoce ed i danni causati dai radicali liberi.

E’ classificata come un alimento a basso indice glicemico quindi è ottima per chi soffre di diabete.

La segale è inoltre amica della linea in quanto facilita la sensazione di sazietà.

Questo cereale sembra avere effetti positivi anche sulla sintomatologia della menopausa, riduce le vampate di calore e sulle emicranie.

L’alto contenuto di vitamine, rende la segale adatta ad aiutare il lavoro delle ghiandole surrenali.

Proprietà antitumorali: anche questo cereale sembra reagire bene nella lotta contro i tumori.

La segale infine ha proprietà depurative che la rendono alleata di fegato e reni.

Usi della segale

Come sopra indicato, la segale può esser consumata al naturale o sotto forma di farina.

Se si decide di consumarne il cereale non lavorato occorre tenerlo a bagno per circa otto ore. Va cotto in acqua salata per minimo 60 minuti, a fiamma bassa dopo l’ebollizione con la pentola coperta, e poi lo si può adoperare in zuppe, insalate e minestroni.

Diversamente si può acquistare la farina di segale per fare il pane o altri prodotti da forno oppure si possono acquistare già pronti.

In alcune parti d’Europa dalla segale si ricavano diverse bevande alcoliche.

Controindicazioni della segale

La segale contiene glutine ed è pertanto sconsigliata ai celiaci.

Occorre fare attenzione alla segale cornuta, il parassita che attacca la segale si chiama Ergot e causa la crescita di speroni duri che contengono molti alcaloidi velenosi e che conferiscono alla segale il nome di “cornuta”. Il parassita Ergot può dar luogo a problemi di circolazione, problemi al sistema nervoso e causa un affezione simile al fuoco di Sant’Antonio. Fra gli effetti inoltre si hanno allucinazioni, non a caso nel seicento quando non si conoscevano gli effetti tossici della segale cornuta, coloro che se ne cibavano e venivano colti dalle allucinazioni venivano considerati stregati o indemoniati.

Previous

Farro: proprietà, benefici e controindicazioni

Next

Stevia rebaudiana: proprietà, benefici, usi e controindicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche