Pubblicità

Vellutata di zucca, pancake di zucca e zucca fritta: Tre ricette con la zucca per sfruttarne proprietà nutrizionali e benefici.

La zucca rientra nella famiglia delle Cucurbitaceae e viene raccolta, in Italia, da settembre a fine novembre, soprattutto nel settentrione.

Le origini sono sicuramente antiche e provengono dal Messico, dove si sono trovati semi risalenti tra il 7000 e il 6000 a.C. Portata poi in tutta Europa e diffusa dagli spagnoli nel XVI secolo.

Le tipologie esistenti sono diverse e si distinguono per forma e colore, ma tutte mantengono sempre le stesse proprietà nutrizionali, oltre che i medesimi benefici per il nostro corpo. Negli ultimi anni si sono rivelati un interessante super food anche i semi di zucca, ricchi di proteine e grassi buoni.

Ma vediamo ora: le proprietà nutrizionali, i benefici e come utilizzarla al meglio.

 

Zucca: proprietà nutrizionali

La zucca è davvero un ottimo alimenti nelle diete ipocaloriche, questo perché ha un basso contenuto di glucidi e lipidi (zuccheri e grassi), contro un alto numero di fibre, vitamine e Sali minerali, come:

  • Calcio;
  • Fosforo;
  • Potassio;
  • Zinco;
  • Magnesio;
  • Selenio;
  • Betacarotene;
  • Vitamina B1, B2, B3, B5 e B6;
  • Vitamina C;

Basti pensare, infatti, che per 100 gr di zucca, si assumono solamente 26 kcal, grazie all’alta percentuale di acqua presente all’interno, praticamente più del 90%.

Ma vediamo ora, più nello specifico, i valori nutrizionali per 100 gr di zucca cruda:

  • Grassi: 0.10 g;
  • Carboidrati 6.5 g – di cui zuccheri 2.76 g;
  • Acqua 91.6 g;
  • Proteine 1 g;
  • Fibra 0.5 g;
  • Potassio 340 mg;
  • Vitamina C 9 mg;
  • Indice glicemico 64;
  • Colesterolo 0 g (Fonte USDA);

 

Zucca: benefici

I benefici della zucca sono davvero molti; vediamo i più importanti per il nostro organismo:

  1. Prevenire le patologie cardiovascolari: grazie al betacarotene, che contrasta l’invecchiamento cellulare, e all’Omega-3, che riduce il colesterolo ed i trigliceridi ematici, si hanno molto benefici sul sistema cardiocircolatorio;
  2. Aiuto nella regolarità intestinale: grazie all’alta percentuale di fibre e acqua che riequilibriano anche la flora batterica stessa;
  3. Contro il diabete: grazie all’alta presenza di fibre che contribuisce a ridurre l’assorbimento degli zuccheri nel sangue;
  4. Contro insonnia e ansia: grazie alla presenza del magnesio, che è un miorilassante naturale che facilita il rilassamento muscolare e, va da sé, benefici fisici e mentali. Ricordiamo inoltre anche la presenza del triptofano, un amminoacido che aiuta la produzione di serotonina, ormone del buonumore che aiuta a combattere fame nervosa, insonnia e depressione;
  5. Contro la ritenzione idrica: grazie alla presenza di molta acqua e del potassio che favorisce la diuresi, aiutando l’organismo a liberarsi da tossine e liquidi trattenuti;
  6. Protezione delle vie urinarie: grazie alla presenza della cucurbitina, un amminoacido che si trova soprattutto nei semi della zucca, con diverse proprietà antiparassitarie, utile contro prostatiti e cistiti;
  7. Nutrimento per pelle, capelli e unghie: grazie alle vitamine presenti e agli antiossidanti che rendono la polpa della zucca ottima per la preparazione di maschere e creme da utilizzare per il corpo con pelle secca e disidratata o per fortificare i capelli fragili;

Zucca: come utilizzarla al meglio

Prima di tutto ricordiamo che le tecniche per cuocere la zucca possono essere diverse:

  • Al vapore: tramite vaporiera o con la pentola a pressione;
  • Lessata: facendola bollire in acqua salata;
  • Stufata;
  • Fritta: tagliata a dadini o fettine e friggendola in olio bollente;
  • Cotta al forno: al gratin, ad esempio, con una spolverata di pan grattato al di sopra e l’aggiunta di erbe aromatiche e spezie;

E tutte le sue parti possono essere utilizzate senza sprechi:

  • Polpa: utilizzata per ripieni ma anche impasti del pane, di torte, muffins, pancake, etc…;
  • Semi: nel pane, nelle insalate o nei biscotti (ovviamente però, rispetto al resto, questi hanno più grassi, quindi meglio non abusarne);
  • Fiori: ottimi impastellati e fritti, o anche sopra la pizza o nella pasta;

 

Ma vediamo ora insieme qualche ricetta per cucinarla al meglio:

  1. Vellutata di zucca

Ingredienti:

-1 kg di zucca (preferire quella gialla);

-1.5 L brodo vegetale;

-1 noce di burro;

-1 rametto di timo;

-sale QB;

-1 cipolla;

Fa imbiondire la cipolla nel burro, poi aggiungere la zucca tagliata a cubetti e lasciar cuocere per circa 30/40 minuti, aggiungendo il brodo man mano e a metà cottura il rametto di timo e il sale. Ora mixare il tutto con un frullatore ad immersione e aggiungere grana per insaporire. Servire calda con qualche cubetto di pane tostato al di sopra.

 

  1. Zucca fritta

Ingredienti:

-500 gr zucca;

-aromi e spezie a piacere;

-sale QB;

-1 L di olio di semi per friggere;

Tagliare la zucca a bastoncini e lasciarla asciugare in forno a 80/100° per circa 45 minuti. Passarli nelle spezie e negli aromi miscelati insieme in precedenza e poi friggerne pochi per volta. Consumare ancora caldi.

 

  1. Pancake di zucca

Ingredienti: (6 pancake)

-100 gr zucca cotta;

-70 gr di farina;

-70 gr di latte;

-1 uovo;

-1 cucchiaio di zucchero;

-1 cucchiaino di lievito;

-spezie a piacere;

Miscelare prima gli ingredienti liquidi e poi aggiungere quelli secchi. Una volta ottenuto un impasto omogeneo, cuocerlo in una padellina antiaderente leggermente unta di olio o burro. Consumare ancora caldi meglio se con una spolverata di zucchero a velo e cannella al di sopra.

Altre interessanti e veloci ricette per cucinare la zucca le trovate in questo articolo, sempre su filnita.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous

Montascale per disabili: guida alla scelta

Next

Base viso perfetta, le diverse tecniche make-up: contouring, strobing e baking

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer
*Le informazioni fornite su filnita.com sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).

Potrebbe Interessarti Anche